Pousse-pousse parigino

pousse_pousse

Uno dei tanti pousse-pousse parigini

Siete appena usciti dall’ufficio e non avete il coraggio di addentrarvi nell’infernale metro parigina o di prendere l’RER intasata da centinaia di parigini nervosi?
Niente paura…una semplice chiamata e un pousse-pousse vi attenderà all’uscita.
Si tratta di un mezzo di trasporto già presente nella maggior parte delle grandi città, da Amsterdam a Londra,  veloce quanto un autobus ma senza smog e affollamento.

Salirete a bordo di un risció moderno, un triciclo munito d’una assistenza elettrica e di due posti a sedere: un metodo simpatico e originale di spostarsi in città senza inquinare e senza sudare.
I prezzi per uno spostamento in città si aggirano attorno ai 15€ e variano in funzione delle distanze.
Se non sopportate piú le salite in Velib’, gli autisti invadenti dei taxi e gli ingorghi della capitale, non esitate a contattare un pousse-pousse: un aitante autista vi aspetterà per condurvi a destinazione.

Taxi King Clovis 
e
Urban cab
8, avenue Foch (Parking Foch)
75116 Paris

Annunci

Parigi su una 2CV

Parisen2cvcv

Parigi…su due cavalli

Avete voglia di scoprire Parigi da un’altra prospettiva? Vorreste effettuare un tour insolito che esca fuori da tutti i canoni e da tutti i clichet turistici?
Lasciatevi tentare da un giro della città, di giorno o di notte, in una due cavalli, la mitica deux chevaux Citroen.
Gusterete ogni momento di questa esperienza a bordo di un’auto che ha segnato un’epoca.
Di colore blu, bianco e rosso, tenute in ottimo stato e dotate di tutte le misure di sicurezza, le deux chevaux vi accompagneranno per scoprire la storia di Parigi.
Basterà lanciare il vostro sguardo al di là del tetto decappottabile per godere di un panorama unico: Champs-Elysées, la Place de la Concorde, la Tour Eiffel, la magia di Parigi.

Paris Authenthic
e
4 roues sous 1 parapluie
22, rue Bernard Dimey
75018 Paris

Peppino Impastato è vivo

peppino

L’alberello d’ulivo divelto

La figura di Peppino Impastato e tutto ció che essa rappresenta continua a dare fastidio a molti.
Se per tanti, soprattutto giovani, Peppino è stato un esempio da seguire che con il suo sacrificio ha saputo insegnare il valore della giustizia e della legalità, per altri è stato solo un poco di buono che non faceva altro che perdere tempo.
Peppino ha sacrificato la sua vita per la lotta alla mafia, si è ribellato alla sua famiglia pur di gridare il suo odio e il suo sdegno contro ogni forma di sopruso e d’ingiustizia.
Se la figura di Peppino, ancora oggi, stenta ad essere accettata e valorizzata al Sud dove ha vissuto e lottato, nel Nord padano trova tutte le porte sbarrate perchè per un paladino “terrone” della giustizia e dell’antimafia non c’è posto.
E così, il mese scorso, il nuovo sindaco leghista del piccolo comune di Ponteranica, Cristiano Aldegani, ha fatto rimuovere la targa voluta un anno e mezzo fa dal suo predecessore di centrosinistra che aveva dedicato la biblioteca civica al giovane siciliano ucciso dalla mafia nel 1978.
Un’iniziativa motivata dalla volontà e dal desiderio di rendere omaggio a personalità locali e nella fattispecie a tale Padre Baggi.

Dunque via il nome di Peppino dalla biblioteca per far posto a quello del prete locale.
Tuttavia il suddetto sacerdote è morto nove anni fa e per dedicargli la biblioteca, bisogna aspettare che trascorrano dieci anni.
La targa dedicata a Peppino, dunque, sarebbe potuta rimanere fino al maggio prossimo ma il sindaco leghista ha voluto rimuoverla per rimpiazzarla con la scritta “biblioteca di Ponteranica”.
Un’affollatissima manifestazione è stata organizzata il 26 Settembre: un corteo coloratissimo e pacifico ha sfilato per le vie della cittadina bergamasca per dare un segnale al sindaco e per cercare di sensibilizzare la gente del luogo.
Più di settemila persone hanno portato in giro per il paese una gigantografia della targa dedicata a Peppino.
La manifestazione può benissimo essere riassunta dalle parole di Giovanni Impastato, fratello di Peppino: “Non siamo qui per il provvedimento di un sindaco. Qui c’è un disegno ben chiaro che va da Bossi a Berlusconi, un disegno che vuole cancellare la memoria. Risvegliamo le nostre coscienze”.
Per meglio ratificare il loro disprezzo verso questo martire terrone, l’allegra combriccola leghista ha avuto l’infelice idea di sradicare l’albero d’ulivo che era stato piantato in onore di Peppino lasciando accanto la frase “Me che ole u pagher” (Io qui voglio un pino), come per dire “Tenetevelo voi il vostro Peppino, che qui in Padania non c’e’ posto per lui”.

Quell’albero spezzato, purtroppo, dovrebbe fare riflettere molta gente.

Mangiare a 0 euro

couscous

Un buon couscous...gratuito

Sapevate che a Parigi avete la possibilità di cenare gratuitamente?
Ebbene si! Esistono vari ristoranti che offrono il pasto al prezzo di una consumazione.
La formula è semplicissima: pagate soltanto le bibite.

Eccovi alcuni indirizzi che offrono quest’interessante formula:

La Cordonnerie (142 rue Saint-Denis, 75002 Paris, 01 40 28 95 35) offre il couscous tutti i giovedì e i sabati alle 20h30. L’atmosfera è accogliente e conviviale e potrete assistere a concerti di gruppi che si esibiscono dal vivo.

Nel X arrondissement, il Tribal Café (3 cour des Petites-Ecuries, 75010 Paris, 01 47 70 57 08) è  uno dei pionieri di quest’originale iniziativa.
In un atmosfera orientale, potrete gustare deliziose cozze tutti i mercoledì e i giovedì a partire dalle 21h, e un gustoso couscous il venerdì e il sabato sera.
 
Nel XVIII arrondissement, La Chope du Château Rouge (40 rue de Clignancourt, 75018 Paris, 01 46 06 20 10) propone un couscous tutti i venerdì e sabato sera a partire dalle 21h.

Bon appétit…gratis!

Décontraction à la française

massages

Massaggi gratuiti alla Contrescarpe

I massaggi gratuiti rappresentano una delle tante iniziative originali e simpatiche che contribuiscono ad alimentare lo charme della place de la Contrescarpe.
Lo stress parigino mette a rischio l’equilibrio psico-fisico degli abitanti di questa magica città:  i parigini, presi dal vorticoso tran-tran giornaliero e intrappolati nel quotidiano metro-boulot-dodo, si stressano, si stancano e si innervosiscono.
La soluzione a tutto questo stress? Un buon massaggio!
E’ questa la soluzione proposta dal gruppo  “Décontraction à la française”.
I membri dell’associazione vi aspettano tutti i giorni, da maggio a settembre, sulla place de la Contrescarpe per alleviare i vostri dolori e allontanare lo stress.
Praticando il massaggio di strada, gratuito e rigenerante, questi professionisti del benessere, vi faranno dimenticare la tensione e il mal di testa per trasportarvi nella dimensione del relax.
Non perdete altro tempo, affidate le vostre stanche membra a questi maghi dalle dita fatate che sapranno restituirvi il sorriso.

La Décontraction à la française
A partire dalle  18h, tutti i giorni (meteo permettendo), da Maggio a Settembre
Metro : Place Monge

Indiana Jones della Contrescarpe

Ho abitato per tre anni nel quinto arrondissement, in una viuzza che si affaccia sulla Place della Contrescarpe.
Questa piccola piazzetta, incastonata nel cuore del quartiere latino, rappresenta uno dei luoghi piú incantevoli e magici della capitale francese.
Attraversata dalla rue Mouffetard, la piazza trasuda di spirito parigino.
Quest’oasi di relax e tranquillità, a due passi dalla Sorbonna e dal Pantheon, é animata quotidinamente da musicisti e artisti di strada che allietano con le loro esibizioni i turisti che si fermano per bere un caffé o mangiare un croque-monsieur.

Tra i tanti particolarissimi artisti che popolano la Contrescarpe, ce n’é uno che merita di essere citato: Indiana Jones.
L’indiana Jones della Mouffetard/Contrescarpe arriva ogni giorno con la sua vespa gialla e munito di una mappa e di una tenuta da esploratore coinvolge i passanti e gli spettatori nella sua ricerca avventurosa.
Numerose gag, spesso improvvisate, si susseguono durante il suo spettacolo: la gente assiste divertita alle sue trovate comiche non esitando a partecipare quando viene chiamata in causa.
L’esploratore parigino vi aspetta tutti i giorni nell’incantevole Place della Contrescarpe.

Ladurée: il paradiso dei golosi

I deliziosi macarons

I deliziosi macarons

Imperatore indiscusso del macaron e genio della creatività, la Maison Ladurée rappresenta un vero e proprio elogio della golosità.
Ladurée crea macarons dai gusti più insoliti ed esotici e si distingue per la grande capacità di rivisitare i classici della pasticceria francese; alcuni esempi delle sue invenzioni sono la Religieuse alla rosa e il Saint Honoré al pistacchio.
Ladurée é uno dei piú celebri saloni da thé di Parigi.
Fondata nel 1862 da Louis-Ernest Ladurée, fu inizialmente una piccola boulangerie che si stabilì nei pressi della Madeleine, al 16 rue Royale.
Il piccolo panificio si trasformò presto in pasticceria e la moglie di Louis-Ernest completò la trasformazione convertendola in salone da thé.
Ladurée é soprattutto conosciuta per i macarons, dolcetti capaci di far venire l’acquolina in bocca ai meno golosi e citati anche da Elmut Fritz nella sua canzone-tormentone “ça m’enerve”.
Si tratta di un dolcino di forma rotonda, croccante all’esterno e fondente all’interno: un vero e proprio orgasmo per le papille gustative.
Fu il nipote di Louis-Ernest Ladurée che per primo ebbe l’intuizione geniale che avrebbe permesso alla pasticceria di diventare celebre.
Ladurée propone macarons standard e mini-macarons.
I gusti sono diversi e orginali e vanno dai piú classici ai piú bizzarri: cioccolato, pistacchio, limone, arancia, rosa, mango, vaniglia, caffé, caramello, violetta, mora, cocco e tanti altri.

Ladurée non fa soltanto macarons: troverete ottimi cornetti, dolci di tutti i tipi dai grandi classici (tiramisù, millefoglie, mont-blanc, madeleines) ai piú originali (la Duchesse, un biscotto alle noci, o ancora la Bayadère, un biscotto alle mandorle).
Degna di nota anche l’ampia scelta di thé e caffé provenienti da tutte le parti del mondo.
Conosciuta soprattutto per le sue delizie golose, la maison Ladurée offre anche la possibilità di far colazione o pranzare nei suoi saloni da thé.
I saloni sono curati nel dettaglio e presentato una decorazione ricercata ed elegante.
Ogni salone ha un suo particolarissimo stile.
Se avete bisogno di una pausa per ricaricare le energie durante il vostro tour turistico della capitale, non esitate a recarvi presso uno dei saloni Ladurée per gustare un momento di piacere unico.

Ladurée Royale
16, rue Royale – 75008 Paris

Ladurée Champs Elysées
75, avenue des Champs Elysées – 75008 Paris

Ladurée Bonaparte
21 rue Bonaparte – 75006 Paris

Ladurée Printemps
62, boulevard Haussmann – 75009 Paris