Il bidet …questo sconosciuto

bidet

Addio bidet

I parigini non godono di un’ottima reputazione in materia d’igiene.
Non voglio dire che sono un mucchio di zozzoni o che ogni parigino abbia uno sciame di mosche che gli ronza intorno ma, di certo, hanno una concezione diversa dell’igiene.
La prova lampante è il fatto che non facciano uso del bidet.
Nella maggior parte delle case e delle stanze d’hotel della capitale francese, infatti, non troverete questo accessorio onnipresente nei bagni italiani.
Quando inizialmente chiedevo ai miei amici francesi come si organizzassero per farne a meno, la risposta che ricevevo sistematicamente era “On prend une douche” e a me veniva da rispondere: “Ma quante docce vi fate al giorno?!?”

Il non-utilizzo del bidet è qualcosa di abbastanza paradossale poiché quest’utile accessorio è stato ideato, intorno al 1710, proprio da un francese, Marc Jacoud.
L’etimologia stessa del termine affonda chiaramente le sue radici nella lingua francese: il termine bidet deriva dal francese antico e si riferisce all’atto di montare a cavallo (si monta su un bidet un pó come si monta a cavallo).
Nonostante abbia trovato le sue origini in Francia, il bidet non ha riscosso successo nelle case dei parigini che lo hanno totalmente soppresso dai loro bagni.
Chi volesse provare a pulirsi adeguatamente dopo aver fatto i propri bisogni in un bagno parigino, dovrà districarsi, in un equilibrio instabile, tra cesso e lavandino. Bon courage!

16 Risposte

  1. Guarda il caso… proprio al milionario ieri è uscita l’etimologia della parola bidet… xD
    Cmq dipende da caso a caso (e da casa a casa)… La mia amica che abita a Parigi penso sia una miracolata e ce l’ha, e quando l’ho visto ho acceso un cero alla madonna. Per inciso, anche in Espana è un illustre sconosciuto.

    • In realta’ siamo noi quelli strani… in Europa e’ diffuso solo in Portogallo e in sud america solo in Argentina e Paraguay. Quanto all’igiene credo che nessuno si faccia veramente la doccia ma che spesso ci si accontenti della carta igienica🙂

  2. Beata la tua amica…da quando sono a Parigi ho traslocato 5 volte e non ho mai avuto questa fortuna…paese che vai

  3. Io ho delle zie che abitano nei dintorni di Parigi e nelle loro case il bidet c’è! Però loro sono di origine italiana, eheh!

  4. Cari amici italiani,

    Con tutto il bene che vi voglio…Non voglio fare polemica ma vi prego…Date un taglio a questi pregiudizi, sapete quante persone mi hanno parlato di questo famoso bidet da quando sn in grado di parlare italiano? Non vi sembra…assurdo…ok si parla di igiene bene ma…mettetevi al posto di un francese che, una volta su 2 (si si) che incontra un italiano gli si chiede ” ma come mai nn avete il bidet e scandaloso” Non vi rompereste le …?? Non siete stufi di sentire “italiani mafiosi”? Per carita ogni paese ogni popolo ha i suoi difetti ma smettiamo di prolungare la vita a queste stupidaggini che si dicono…Dopo tutto, a parte queste storie di bidet e queste baguette sotto l’ascella non e cosi male stare a Parigi visto che ancora ci state😉

    • Ciao Isabelle,
      un altra differenza che mi viene in mente, adesso che ti leggo…il poco senso de’humour dei parigini…dai scherzooooooooooooooo!;)

  5. Cara Isabelle,
    Con tutto il bene che vuoi a noi italiani, penso che tu abbia fraionteso lo spirito di questo blog e di questo articolo.
    Il taglio umoristico degli articoletti avrebbe dovuto farti capire che non intendo scagliare invettive contro i francesi ne tanto meno etichettarli come un popolo di selvaggi o incivili.
    Le pagine di questro blog e del sito che ho creato mirano a esaltare la grandezza e lo splendore di Parigi e della cultura francese.
    Ogni post sottolinea le innumerevoli possibilita’ offerte da Parigi e invita i lettori a scoprirne la magia.
    Tuttavia dopo aver trascorso vari anni a Parigi pensavo fosse giusto condividere con chi legge queste pagine anche le differenze culturali e sociali piu’ lampanti, quelle che balzano immediatamente agli occhi di un “italiano a parigi”.
    Ho voluto stigmatizzare con vari interventi che vertono su usi, abitudini e particolari sociali, alcune diversita’ che allontanano questi due popoli.
    Lo scopo, cara Isabelle, non e’ quello di fomentare l’odio o l’antipatia tra italiani e francesi, ma piuttosto di farci una bella risata.
    Un saluto da Parigi
    Gaspare

    • Beh un po’ do ragione a Isabelle, il post e’ iniziato con: i francesi hanno una concezione diversa dell’igiene😉 In realta’ siamo noi quelli strani il bidet e’ diffuso solo in Portogallo e in pochi altri paesi come Argentina (credo per “colpa” nostra) e Paraguay…

  6. Eh già! Hai ragione!
    Un bel post davvero oltre che un buon blog ben fatto!

    Ti invito se vuoi/puoi a ricambiare la visita sul nostro blog Vongole & Merluzzi dove per l’appunto, nell’ultimo post, uniamo la politica al servizio di igiene…il cesso!

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/28/igiene-elettorale/

  7. A proposito di gente che non conosce l’uso del bidet.
    Segnalo questo link esilarante!
    http://www.lamebook.com/get-smart/

  8. […] aspetti della vita quotidiana (come per esempio il trasporto della baguette o l’assenza del bidet nella maggior parte degli appartamenti parigini).   Questa volta, invece, voglio lodare la loro […]

  9. Ancora con questa storia, e sempre riferita ai francesi. Sono poche le nazioni che ce l’hanno e tra quelli che non ce l’hanno non ci sono solo i francesi. Perché prendersela solo con loro?

    P.S. Comunque da quando ho preso quell’infezione, non faccio più bidet.
    P.P.S. A casa di un amico non mi faccio il bidet… e poi con quale asciugamano??
    P.P.P.S. http://www.etimo.it/?term=bidetto

  10. […] non è una priorità essenziale. Conoscevamo già l’antipatia dei nostri cugini verso il bidet, adesso apprendiamo che un francese su cinque non si lava tutti i giorni. Il sondaggio realizzato […]

  11. ah ah questa storia del bidet mi perseguita dal belgio, anche lì non ce l’hanno ed io che ero erasmus lì ho sofferto da italiana. Un mio amico belga ce lo aveva a casa e lo usava solo per lavare le scarpe, poi quando mi ospitava lo puliva e me lo faceva trovare infiocchettato come un cadeau…abbiamo riso molto su questa storia… e credo che le differenze culturali siano così belle e preziose…cmq io me lo farò installare se vivrò in francia…senza è impossibile

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: