Bonjour Paris!

I parigini e le buone maniere

Un altro momento in cui la pseudo-mielosità del popolo parigino tocca il suo culmine è la pretesa del Bonjour.
Che c’ è di male a salutare la gente con un cordiale “Buongiorno”? direte Voi.
Il difetto morboso, rispondo io, sta nel pretenderlo questo sacrosanto saluto!!!
Mi spiego meglio. Il parigino medio pretende che quando gli indirizziate la parola iniziate la vostra frase salutando con un Bonjour/Bonsoir; solo allora potrete formulare la vostra domanda o richiesta.
Se sarete talmente scellerati da omettere la formula di saluto dalla vostra frase, il simpatico parigino non esiterà a farvi notare la vostra maleducata dimenticanza.
Se per esempio chiedete un’indicazione a un passante dimenticando l’indispensabile incipit di cortesia e di saluto, il gentile sconosciuto al posto di rispondere alla vostra domanda vi risponderà con un Bonjour in modo tale da sottolineare quanto siete stati maleducati a non salutarlo.

Caso paradigmatico di questa pretesa di buone maniere spinta all’eccesso è Madame Bonjour.
Si tratta di una boulangère/panettiera dove io e Valeria andavamo sistematicamente a comprare la nostra baguette quotidiana quando abitavamo nel quartiere Mouffetard.
L’arzilla signora sembrava progettata per schiaffare Bonjour/Bonsoir in faccia ai clienti, qualunque cosa essi chiedessero; il fatto che avesse una voce particolarmente acuta ha contribuito a immortalare la sua immagine nella mia memoria.
Se il cliente esordiva dicendo “Une baguette de tradition, s’il vous plait”, la vecchietta parigina, da dietro il bancone,  rispondeva “Bonjour” e il cliente doveva sistematicamente ripetere la sua richiesta per la gioia di chi stava in fila ad attendere e a godersi queste scenette quotidiane.

6 Risposte

  1. è verissimo e l’abbiamo sperimentato

  2. Confermo!!!
    Non si tratta di “politesse”… la loro é una vera e propria malattia!

  3. sei un grande, sono fuori come balconi.
    abito a parigi da tre anni e mi tocca stringere la mano ai miei colleghi tutte le mattine….una tragedia.

    abbiamo le prove che questa storia del bonjour la imparano a scuola!!!

    ti segnalo il blog di una mia amica americana con le prove
    http://emiliejohnson.blogspot.com/2009/12/je-dis-bonjour.html

    ciao

    Davide

    • Grande Davide!

      Ho appena visitato il blog dellatua amica: adesso abbiamo la prova scritta.

      I francesi sono formattati fin dall’infanzia per vomitare continuamente “Bonjour”, “Merci” et “s’il vous plait”.

      Che popolo cortese ed educato!

      Un abbraccio
      G

  4. Se non altro su questo sono sono dei buzzurri!!! Anche io ho sperimentato quello che dici tu e, dopo aver vissuto a Parigi, ora ci faccio molta attenzione e ritengo il Buongiorno indispensabile!

  5. …mai stata per più di un mese continuato in Francia ma, ad ogni ritorno dalle mie frequenti vacanze francesi è per me uno shock dovermi riabituare alla rudezza/cafonaggine italiana!:-/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: