Una Pagoda a Parigi

La Pagoda di rue Courcelles

Inaspettata, nel cuore di Parigi, una pagoda in puro stile orientale saprà incuriosire gli amanti di stranezze parigine.
L’atipico edificio sito all’angolo tra le rues de Courcelle e Rembradts, decorato di rosso, rappresenta una vera e propria oasi cinese in piena Parigi.

Contrariamente alla leggenda non si tratta dell’antica ambasciata cinese né della dimora tradizionale di un ricco orientale in pensione.
Il signor Loo, giovane cinese di buona famiglia, venne a Parigi alla fine del XIX secolo per gli studi.
A 22 anni si stabilì in piazza della Madeleine specializzandosi nel commercio delle antichità orientali e ne divenne presto il miglior esperto della città.
Nel 1929 Loo comprò una residenza in rue de Courcelle che si rivelò rapidamente troppo piccola per contenere le sue numerose collezioni.

L’antiquario fece allora appello a un architetto francese per realizzare la dimora dei suoi sogni: una casa cinese nel cuore della ville lumière.
Loo morì nel 1957 ma la società C.T. Loo occupa oggi il posto.

Annunci

La più piccola casa di Parigi

La casa più piccola di Parigi

La più piccola casa di Parigi si trova nella rue de Chateau d’eau, nel quartiere di République.
La piccola abitazione, incastrata tra due alti palazzi, si mimetizza letteralmente nel prospetto architettonico.
La minuscola abitazione sembra una vera e propria casa delle bambole e ha una larghezza di appena un metro e venti.
Prima della sua costruzione esisteva un passaggio che metteva in comunicazione la rue de Chateau d’eau con la rue du Faubourg Saint Martin.

39, rue du Chateau d’Eau
75010 Paris
Metro: Republique

No B-day: Berlusconi casse-toi!

No Berlusconi Day

Se non fate parte della stragrande maggioranza degli italiani lobotomizzati da anni e anni di manipolazione mediatica da parte dei mezzi di propaganda dello psico-nano e se siete ancora capaci di sviluppare un pensiero critico e lucido sulla situazione dell’Italia degli ultimi anni, non potete mancare all’appuntamento del 5 dicembre: il No Berlusconi Day.
La manifestazione, organizzata in parallelo alla manifestazione principale che si terrà a Roma lo stesso giorno, nasce dall’iniziativa lanciata poco tempo fa da un gruppo di cittadini indipendenti su Facebook e che ha immediatamente riscosso un enorme successo di adesioni (più di 300 000 iscritti in un mese).
Una colorata folla di italo-parigini incazzati contro il viscido e demagogo detentore delle redini del potere italiano, sarà presente, il 5 Dicembre nella piazza del Trocadero, per esprimere la propria delusione, la propria disillusione e il grido di protesta contro un’Italia nella quale non si rispecchia più.

I partecipanti a quest’evento di protesta chiederanno a Berlusconi di dimettersi e di liberare l’Italia da quello stato di regressione in cui l’ha fatta piombare a causa dei suoi atteggiamenti anti-democratici e delle sue leggi ad-personam.
La manifestazione vuole essere un segnale, da parte degli ultimi cittadini liberi rimasti, all’attuale governo per dire che la gente è stanca di assistere impotente e inerte allo smembramento , tassello dopo tassello, del proprio Paese.
Se anche voi non vi riconoscete nell’attuale gestione berlusconiana del potere e pensate che non si possa più accettare l’atteggiamento dispotico di un uomo che nell’arco di 15 anni ha eroso la democrazia italiana e che continua a sferrare attacchi a quel che resta di libero di questo Paese, non mancate all’appuntamento del 5 dicembre al Trocadero.

Il No Berlusconi Day permetterà, a chi si sente in dovere di farlo, di gridare sotto il cielo di Parigi che gli italiani sono stanchi di un premier che si sente il proprietario dell’Italia, che ha un conflitto d’interessi gargantuesco e che non ha mai provato a risolverlo, che cerca in tutti i modi di imbavagliare la stampa libera e di ostacolare la libertà d’espressione, che non accetta di farsi processare e che a tal fine chiede sistematicamente ai suoi avvocati di inventare una legge, un lodo o un emendamento che lo protegga dalla giustizia, che si permette di sparare a zero sulla magistratura e sul suo operato, che a ogni incontro internazionale si traveste da intrattenitore comico disintegrando la reputazione dell’Italia, che si trascina dietro un gregge di ombre e sospetti e che soprattutto non vuole farsi processare.

Appuntamento per il No Berlusconi Day il 5 dicembre 2009 alle 14h00 sulla piazza del Trocadero.

Good Evening Europe…Sir Paul is back!

paul-mccartney

L’ex-Beatles Paul McCartney

Tutti coloro i quali pensano che Paul McCartney sia ancora vivo e che non si tratti di un sosia, come sostenuto dai seguaci della teoria PID (Paul is Dead) che vedrebbero simboli e allusioni della prematura scomparsa dell’artista in molte canzoni e copertine di album dei Beatles, potranno ascoltare il cantante inglese a Parigi il 10 dicembre.
L’ex membro dei Faboulous Four inizierà la sua tournée europea il 2 dicembre ad Amburgo per finire il 22 a Londra. Questo tour, battezzato Good Evening Europe, passerà anche per Berlino, Arnhem in Olanda, Colonia, Dublino e farà tappa a Parigi il 10 Dicembre.
Si tratta dell’unica apparizione in Francia di Sir Paul a parte il concerto che tenne all’Olympia nel 2007.

10 Dicembre 2009
Palais Omnisport de Bercy
8, boulevard de Bercy
75012 Paris

Il mercato della creazione: arte in liberta’!

marchebastille

Il Mercato della Creazione

Il mercato della creazione, gratuito e aperto a tutti, si svolge tutti i sabati dell’anno dalle 10h alle 19h.
Pittori, scultori e creatori vi aspettano per condividere con voi la loro arte.
E’ uno dei piú grandi mercati settimanali d’arte della capitale francese, frequentatissimo da collezionisti, amanti d’artigianato o semplici appassionati.
Partendo da place de la Bastille, sotto l’occhio vigile del Genio della Libertà che dall’alto del suo obelisco infonde l’ispirazione ai tanti artisti, il mercato si sviluppa lungo il boulevard Richard Lenoir.
Il mercato della creazione, vera e propria torre di Babele, rappresenta una galleria d’arte a cielo aperto: acquarellisti, scultori, incisori, creatori di gioielli, fotografi, disegnatori e artisti d’ogni sorta animano ogni settimana un’esperienza unica nel suo genere.

Il mercato fu realizzato per la prima volta il 1 Maggio del 2004, su iniziativa della città di Parigi in collaborazione con la Somarep (organismo che gestisce la maggior parte dei mercati cittadini) al fine di accordare agli artisti un riconoscimento nel paesaggio culturale urbano.
Rappresenta una realtà multiforme dinamica che ogni sabato assume sembianze differenti: ogni settimana gli artisti si interscambiano e agli stand permanenti vanno ad aggiungersi quelli temporanei e occasionali.
Durante il vostro soggiorno parigino, non rinunciate a una passeggiata tra gli stand del Marché de la création, prenderete una boccata d’arte e cultura in un’atmosfera coloratissima e multietnica.

Sushi, sashimi e maki …fai da te

sushi

Sushi, sashimi & maki a volontà

Siete amanti della cucina giapponese e avete voglia d’imparare la giusta tecnica per preparare sushi, sashimi e maki con le vostre mani?
Esistono diverse scuole o formazioni che propongono di farvi diventare un asso della cucina nipponica.
Quella di cui vi parlo oggi, è una scuola situata all’Espace Hattori, il Centro culturale franco-giapponese, dove potrete seguire per circa un’ora e mezza a lezione, un cuoco giapponese che vi svelerà tutti i segreti per riuscire alla perfezione i vostri manicaretti orientali.
L’Espace Hattori, tra l’altro, oltre ai corsi di cucina propone numerose attività che vanno dall’origami ai corsi di lingua giapponese.

Durante la formazione verranno spiegati nel dettaglio gli utensili da adoperare, gli ingredienti da usare, gli abbinamenti possibili e quelli da evitare, i trucchi essenziali per riconoscere il pesce veramente fresco e tanto altro ancora.
Dopo la teoria, la pratica: alla fine del corso sarete chiamati, grazie ai preziosi appunti presi durante la lezione, a confezionare con le vostre mani sushi dai gusti più originali con i quali stupire i vostri ospiti.

La degustazione dei piatti da voi stessi preparati chiuderà la formazione.

Espace Hattori
Centre culturel franco-japonais
8-10 passage Turquetil
75011 Paris

A scuola di Thé

the

A scuola di thé

L’obiettivo che si prefigge questa scuola, istituita dal Palais du Thé, è quello di far scoprire tutto su questa pianta da infusione: le origini del delicato infuso, i migliori modi per gustarlo, i meccanismi del sapore, le numerose varietà di thé e tanto altro ancora.
Carine Baudry, Mathias Minet e Francois Xavier Delmas, i professori di questa scuola, sanno rendere accessibili e di facile apprendimento anche gli argomenti più tecnici come, per esempio, il processo olfattivo e gustativo.
Ogni lezione rappresenta un’occasione unica per carpire preziosi segreti sull’arte ancestrale di preparare questo infuso ambrato e un momento in cui poter gustare qualità di thè provenienti da tutto il mondo.
I progressi del vostro odorato e del vostro gusto saranno rapidi e sorprendenti e sarete rapidamente in grado di apprezzare le differenti sfumature di gusto.

L’Ecole du Thé
64, rue Vieille du Temple
75003 Paris