Il gigante della rue Tombe Issoire

Il gigante della rue Tombe Issoire

La via, situata nel XIV arrondissement di Parigi, è una delle piú antiche della capitale francese e anticamente permetteva l’accesso alla cittá.
La piccola arteria urbana, che metteva in comunicazione Parigi e Orléans, continua il suo itinerario cambiando nome e diventando la rue du Faubourg Saint Jacques e, poi, la rue Saint Jacques fino ad arrivare alla Senna.
Il nome della via deriverebbe da una leggenda legata a un gigante chiamato Isouard, Isoré, Isoire o Issoire che distruggeva i viaggiatori che si trovavano a passare per il cammino d’Orléans.
Numerosi di questi malcapitati erano pellegrini che seguivano il cammino di Saint-Jacques-de-Compostelle.
Il gigante venne catturato e ucciso da Guillaume d’Orange o Guillome de Gellone, nipote di Carlo Martello. Quest’ultimo, dopo avergli tagliato la testa, seppellì la restante parte del cadavere del gigante nello stesso luogo in cui aveva fino a quel momento seminato il panico.
Il parco Montsouris poco distante richiama questa leggenda attraverso un cartello che narra la storia.

 « Roi Isoré tint la hace tranchante,
Vers dant Guillaume est venus tost corant,
Férir le guide sour son hiaume luisant
Li quens se haste si le ferir avant
Le col li trence aussi con qu’un enfant
Puis prend la teste à tout l’elme luisant
Ainc n’en veut plus porter ne tant se quand
Le corps laissa à terre tout sanglotant »

La leggenda legata al gigante rivive grazie a una scultura monumentale, realizzata da Corinne Béoust, piazzata sulla facciata della scuola materna che si trova al 77 rue de la Tombe-Issoire, all’angolo con la rue d’Alésia.
La suggestiva opera, realizzata in fibra e polistirolo, rappresenta il gigante accovacciato sulla finestra della scuola mentre osserva il passaggio quotidiano dei giovani scolari che lo guardano stupiti.
Se vi trovate a passare in questa via, non dimenticate di salutare il gigante!

77 rue de la Tombe-Issoire
75014 Paris
Metro: Saint Jacques

Una Risposta

  1. Purtroppo l’hanno smantellato l’anno scorso, per me che ci passavo ogni settimana per fare il bucato, e stato tristissimo😦

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: