Gli Africa Unite in concerto a Parigi

Gli Africa Unite in concerto a Parigi

Gli Africa Unite si esibiranno al Glaz’art il 12 aprile 2011.
Africa Unite è un gruppo reggae di Torino.
I suoi leader, artistici e spirituali, Bunna e Madaski fondano la band nel 1981, anno della prematura scomparsa di Bob Marley.
Il nome del gruppo rende omaggio alla leggenda del reggae.
Durante 25 anni di carriera, gli Africa Unite hanno composto e prodotto musica di grande qualità, ispirati dal meglio delle sonorità reggae.
Si sono esibiti in concerto centinaia di volte, prendendo parte a numerosi festival internazionali, e realizzando quattordici album in studio.
Il loro primo EP, Mjekkari, esce nel 1987. Autoprodotto, questo primo lavoro in studio colpisce per l’energia, una good vibration che si coniuga ad un uso originale della lingua italiana.
Seguiranno Llaka, nel 1988, e, nel 1991, People Pie. Questi due album testimoniano l’avvenuta maturazione artistica del gruppo.
Gli Africa Unite continuano a esibirsi, con successo, in Italia e in Europa, fino in Giamaica, al De Buss di Negril.

Nel 1993 esce Babilonia e Poesia, un album ricco di suggestioni, dove i testi sposano poeticamente sonorità potenti.
Realizzato tra Italia, Francia e Belgio, l’album riceve un ottima critica e un’accoglienza più che entusiasta da parte del pubblico.
Gli Africa Unite partono per un nuovo tour, in Italia e in Europa, che alla fine conterà più di cento date.
Il gruppo si esibisce anche in Irak, prendendo parte al Babylon International Festival durante l’embargo deciso dal consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in piena Guerra del Golfo.
Nel 1994, Mjekari e Llaka sono nuovamente incisi, stavolta su CD.
Il tour che segue consacra gli Africa Unite come una delle migliori realtà del panorama europeo del reggae.
Il gruppo si esibisce all’International Festival di Gerusalemme.
Nel 1995 esce Un sole che brucia. L’album ottiene un concreto successo di vendite, conquistando le radio, dopo aver ricevuto delle ottime critiche e un’eccellente accoglienza dalla parte del pubblico.
Questo lavoro, magistralmente prodotto da Madaski, contiene quindici tracce, d’influenza reggae, Roots e Dub.
Il nuovo tour conterà più di settanta date: ogni volta, gli Africa Unite saranno accolti con entusiasmo da migliaia di persone.

Gli Africa Unite firmano un contratto con la Polygram/Mercury, divenuta, due anni dopo, Universal/Mercury, in seguito alla fusione delle due industrie della musica. Con la prima Mercury, gli Africa Unite realizzano In diretta dal sole, un album live che conta quindici tracce, una per ogni anno di carriera.
Nel 1997 esce un nuovo album, Il gioco, dalle sonorità più dub, pubblicato anche in una special edition mixata da Mad Professor.
Nel 2000 esce Vibra, album che segna un ritorno alle radici del Roots. Una delle sue canzoni, Sotto pressione, si scaglia poeticamente contro la pena capitale, e nel corso del tour gli Africa Unite promuovono una raccolta di firme destinate a supportare la battaglia mondiale per l’abolizione della pena di morte.
Il tour conterà, alla fine, più di cento date e la partecipazione calorosa di migliaia di persone.

Il 10 Maggio 2001, gli Africa Unite celebrano i loro venti anni di carriera con un tributo speciale a Bob Marley.
La performance é composta di due parti: il gruppo interpreta con profonda emozione le canzoni del Maestro, prima di eseguire i propri successi. Nel marzo del 2003 esce Mentre fuori piove, loro decimo album che segna il ritorno alla scena indie. E’ un album intenso, profondamente poetico, un inno reggae allo stile Africa Unite che affascina i media e i fan, e segna un nuovo successo per la band, cui seguirà un nuovo tour, di settantaquattro date.
Nel giugno del 2004 esce Un’altra ora, secondo album live degli Africa Unite. Questo nuovo lavoro include il Dvd gratuito di un concerto di tre ore.
Nel 2005, un nuovo progetto live vede gli Africa Unite dividere la scena con un’orchestra d’archi di 25 elementi: il gruppo ripercorre il proprio repertorio, con un accompagnamento puramente strumentale destinato a valorizzare la voce e i testi.

Segue l’album Controlli, che esprime un suono rinnovato, nel quale Dub e reggae si fondo alla perfezione. All’album partecipano come specials guests artisti del calibro di Natasja e Raiz.
Controlli esce nell’aprile del 2006, seguito da un lungo tour.
4 Riddims 4 Unity viene realizzato l’anno seguente.
Questo album si ispira al tradizionale concetto giamaicano della reinterpretazione di una canzone partendo dal riddim.
Una lunga serie di artisti sposa il progetto: Kymani Marley, Alborosie, Princess Julianna, Sergent Garcia, e altri ancora.
Di più recente pubblicazione, Biografica Unite, é una monografia esaustiva composta di due cd e un dvd che contengono le loro canzoni più conosciute, ma anche delle rarità e una serie di video, nel backstage e sulla scena.
Nel giugno del 2009, gli Africa Unite si sono esibiti in Italia, Spagna e a Los Angeles.

L’ultimo album degli Africa Unite, Rootz, esce nel marzo 2010.
Dodici nuove canzoni che affondano le loro radici nelle calde, invitanti atmosfere del Reggae Roots delle origini, supportato da alcune collaborazioni eccellenti. Le liriche sono dedicate agli emarginati di questo mondo.
Il nuovo tour conterà 60 concerti in Italia, l’esibizione al Sunsplash Reggae Festival di Benicassim, in Spagna e quella al Chiemsee Festival di Ubersee, in Germania.

Glaz’art
7-15, avenue de la Porte-de-la-Villette
75019 Paris

Biglietti: 15€

www.bleucitron.net/
www.africaunite.com/
www.fnac.com/

Per informazioni
www.tijevents.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: