Hearth hour: 60 minuti al buio per il pianeta

Hearth hour: 60 minuti al buio per il pianeta

Ieri, 26 marzo 2011, milioni di persone nel mondo hanno spento le luci tra le 20h30 e le 21h30 per partecipare all’operazione Earth hour, 60 minuti per il pianeta finalizzata a sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema delicato come quello del surriscaldamento globale.
Per il terzo anno consecutivo la città di Parigi ha partecipato a quest’iniziativa ideata dal WWF per fare riflettere sui cambiamenti climatici che interessano il nostro pianeta.
L’ora della terra rappresenta oggi la più grande manifestazione dedicata alla salvaguardia della Terra.
La ville lumière ha spento i suoi monumenti più famosi per esprimere la sua adesione a un tema così delicato e importante: la cattedrale di Notre Dame, il Panthéon, l’hotel de ville, l’opera Garnier e l’opera Bastille, la maggior parte dei ponti, municipi, piazze e fontane della capitale sono stati oscurati per un’ora.
La manifestazione simbolica è cominciata sabato sera ai piedi della Tour Eiffel in presenza di Isabelle Autisser, presidente della sezione francese del WWF, che ha assistito allo spegnimento del monumento-simbolo di Parigi.
La Tour Eiffel è rimasta spenta solamente 5 minuti per ragioni di scurezza.

Il ministro dell’ecologia Nathalie Kosciusko-Morizet era presente all’operazione Earth hour celebrata ai piedi della Tour Eiffel.
I militanti delle associazioni ecologiche e i simpatizzanti che hanno partecipato alla manifestazione hanno osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del terremoto e dello tsunami in Giappone e della grave crisi nucleare che lo stato nipponico conosce attualmente.
In un momento storico in cui l’intera umanità riflette su forme d’energia alternativa e sull’importanza del risparmio energetico, l’operazione Earth hour rappresenta un ottimo mezzo per sensibilizzare la gente.
Spegnere la luce per un’ora rappresenta un simbolo che ricorda come piccoli gesti possono contribuire a risparmiare energia e salvaguardare la Terra.

Annunci

Una Risposta

  1. Con l’inquinamento che c’è non so quanto possano fare 60 minuti, in ogni caso almeno si fa qualcosa per dare importanza al fenomeno del surriscaldamento globale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: