Gli Smashing Pumpkins a Parigi

Gli Smashing Pumpkins

Gli Smashing Pumpkins si esibiranno in concerto, il 9 novembre 2011, allo Zenith di Parigi.
Il mitico gruppo di Billy Corgan torna a calcare i palchi europei e ricompare sulla scena francese dopo tre anni d’assenza.
Accompagnato dai suoi nuovi musicisti, il carismatico leader degli Smashing Pumpkins guiderà una tournée mondiale intitolata The Other Side of the Kaleydoscope Tour.

Gruppo grunge emblematico degli anni 90, gli Smashing Pumpkins cominceranno la tournée a Los Angeles il prossimo 5 ottobre 2011.
Quella di Parigi è l’unica tappa francese del percorso europeo del gruppo americano.
Billy Corgan presenterà al pubblico parigino e francese la nuova formazione del gruppo che oltre al famoso cantante comprende, Mike Byrne (batteria), Jeff Schroeder (chitarrista) e Nicole Fiorentino (bassista).
I quattro componenti del gruppo passeranno in rassegna i grandi successi che hanno contribuito al successo degli Smashing Pumpking: Zero, 1979, Disarm, Tonight, Tonight, Cherub Rock, Today, Bullet With Butterfly Wings e tanti altri ancora.
Il celebre gruppo rock interpreterà, inoltre, i brani di Teargarden By Kaleidyscope, un progetto che include 44 titoli pubblicati progressivamente sul sito ufficiale del gruppo.
L’album Oceania, che comprenderà 13 brani di questo progetto, sarà pubblicato nel 2012.
Secondo Billy Corgan “questo nuovo album torna alle origini psichedeliche degli Smashing Pumpkins: atmosferico e melodioso, l’album mescola sonorità pesanti e delicatezza.”

Il primo album degli Smashing Pumpkins, intitolato Gish, apparve nel 1991 e traboccava di sonorità rock e metalliche.
Il gruppo era formato inizialmente da Billy Corgan (voce/chitarra), James Iha (chitara), D’arcy (basso) e Jimmy Chamberlin e si ispiravano a vari artisti e realtà musicali come i Beatles, i Led Zeppelin, Hendrix e Cheap trix.
Il successo arriva con l’album Siamese Dream, pubblicato nel 1993, dove i Pumpkins alternano un punk graffiante a brani pop.
Nel 1995 il gruppo realizza un doppio album ambizioso intitolato Mellon Collie and the Infinite Sadness, un gioiello artistico che racchiude l’anima del gruppo e affascina un’intera generazione.
L’album sarà 9 volte disco di platino e venderà oltre 6 milioni di copie.
Dopo aver pubblicato l’album Ava Adore, dal chiaro stampo gotico, il gruppo si separa nel 2000 per riunirsi nuovamente nel 2006 e pubblicare l’album Zeitgeist.

9 Novembre 2011
Zenith
211 Avenue Jean Jaures
75019 Paris

Annunci

Giovanni Allevi a Parigi il 6 novembre

Giovanni Allevi al pianoforte

A un anno di distanza l’ALIEN WORLD TOUR del compositore, pianista e direttore d’orchestra Giovanni Allevi, atterrerà a partire da Ottobre anche nelle principali città europee e sarà al teatro Alhambra di Parigi il 6 Novembre 2011.
Cominciato in California e poi in Giappone nel 2010, l’ALIEN WORLD TOUR ha continuato a riscuotere un grande successo in Italia nel 2011 dove per mesi ha registrato il tutto esaurito nei principali teatri in primavera, e poi in estate nei più suggestivi castelli, piazze e anfiteatri storici della penisola.
La tournée vede Giovanni Allevi impegnato in concerti per piano solo in cui esegue, oltre ai suoi più grandi successi, i brani di ALIEN, l’ultimo album di inediti di pianoforte solo (Bizart/Sony Music) uscito lo scorso 28 settembre e già disco d’oro.
A grande richiesta, dal 1° luglio 2011 sono pubblicati da Carisch anche gli spartiti di ALIEN (www.carisch.com), già arrivati alla terza ristampa ad un mese dall’uscita.
Gli Alieni siamo noi – dice Allevi – che con la nostra sensibilità, cerchiamo lampi di poesia tra le pieghe dell’esistenza quotidiana.
Rifiutando l’omologazione, affermiamo con delicatezza la nostra unicità, facendo della vita un’opera d’arte. E’ la musica che ci permette di guardare il mondo con occhi nuovi, tanto da riscoprire l’incanto in ciò che ci circonda, fino a sentirci alieni circondati da alieni.”

Acuto: cultura italiana all’estero

La Toscana

Acuto è un’associazione culturale creata ai sensi della legge francese 1901, è riconosciuta dalla Regione Toscana e iscritta al registro delle associazione del Consolato Generale d’Italia a Parigi.
Acuto si dedica alla promozione della cultura italiana all’estero.
Dal 2009 Acuto propone iniziative dedicate alla divulgazione scientifica e alla storia della cultura italiana, dall’astronomia all’arte, dalla letteratura alla musica, attraverso la circolazione di produzioni culturali mirate alla conoscenza delle figure significative della Toscana e dell’Italia e alla scoperta  dei metodi più innovativi per avvicinare il pubblico alla scienza, alla musica, alla cultura.
L’animazione, il teatro, l’organizzazione di incontri e conferenze come la presentazione di libri o di prodotti, sono tra le formule utilizzate dalla nostra associazione per presentare i nostri progetti.

L’idea di Acuto, che opera sul territorio francese e che investe sulla circolazione di progetti per un pubblico italiano e straniero a Parigi, è di valorizzare all’estero le esperienze più significative proponendole alla comunità italiana, al pubblico francese, ai docenti e alle Istituzione Scolastiche che potranno valutare la possibilità di servirsene nella realizzazione del loro percorso formativo.
Nel 2009 ha presentato a Parigi lo spettacolo teatrale « Le stanze di galileo » nell’ambito di un progetto sulla figura di Galileo in occasione dell’anno internazionale dell’astronomia.
Nel 2011 ha prodotto uno spettacolo teatrale in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, « Fiabe Italiane » che ha rappresentato un’occasione straordinaria per incontrare il pubblico francese intorno alle fiabe delle regioni italiane.

Acuto partecipa alle manifestazioni della Maison de l’Europe de la Ville de Paris di cui è partner e alle iniziative dell’Academie de Paris grazie alla quale ha realizzato interventi e progetti nelle scuole francesi che hanno avuto modo di conoscere e visitare l’Italia e la sua cultura.
Acuto sta preparando per il 2012 un grande progetto su Colombo e la storia dell’emigrazione italiana…un programma tutto da scoprire!

A spasso per Belleville

La stazione di Belleville

Insieme a Saint- Fargeau, Père-Laschaise e Sharonne, il quartiere di Belleville si estende principalmente nel ventesimo arrondissement.
Fu annesso alla Francia con la legge del 16 giugno 1859.
Nato come quartiere principalmente operaio, oggi è considerato uno dei simboli della famigerata multiculturalità che caratterizza Parigi.

Alloggiando in uno degli hotel economici Parigi si può raggiungere il quartiere recandosi nella zona nord-est della città.
Tra le particolari vie di Belleville è possibile visitare gli ateliers che numerosi artisti hanno deciso di aprire approfittando dei prezzi accessibili degli affitti dando così un notevole contributo attrattivo e culturale alla zona.
Si può dire che qui l’arte la fa da padrona!
Durante tutto l’anno, infatti, si può entrare in contatto con le opere delle boutiques anche se il periodo migliore rimane quello relativo alla manifestazione “Porte Aperte”.
In questa occasione oltre 250 artisti aprono, appunto, le porte dei loro laboratori e permettono agli oltre 50.000 visitatori annuali di vivere un’esperienza che non si esaurisce nella passività del semplice guardare.
Dai giochi e gli spettacoli di marionette per i più piccoli alle installazioni partecipative e le serate musicali, la manifestazione coinvolge i visitatori per una quattro giorni tutta da vivere.

Belleville ospita una delle due comunità cinesi di Parigi con ristoranti e negozi tipici ma ha anche forti presenze arabe che contribuiscono a rendere il quartiere
particolare e caratteristico.
Non a caso molte opere letterarie, cinematografiche e musicali l’hanno scelto come teatro delle loro storie come per esempio i racconti del ciclo di Malaussène dello scrittore francese Daniel Pennac oppure il cortometraggio Red Balloon del regista Albert Lamorisse, vincitore di un oscar al festival di Cannes.
Inoltre al numero 72 di rue Boulevard c’è una targa che testimonia la nascita, avvenuta su dei gradini sotto un lampione, di una bambina che si sarebbe poi rivelata una delle più straordinarie voci di sempre, Edith Piaf.

Per una visione mozzafiato di Parigi dall’alto basta raggiungere il Parc de Belleville che, situato tra il Parc des Buttes-Chaumont e il famoso cimitero di Père Lachaise a ben 108 metri d’altezza, è il parco più alto della città.
Con le sue composizioni floreali, vincintrici di numerosi premi in occasione della Summer Floral Decoration Competition, e la Maison de l’Air, un museo dedicato all’educazione ambientale contro l’inquinamento, il parco offre attrattive e relax per visitatori di ogni età!

Senza spendere nemmeno troppo in uno dei Bed & Breakfast a Parigi immergetevi dunque nelle avvolgenti atmosfere del quartiere di Belleville e non ve ne pentirete!