I spaddi m’abbrucianu ancora

Gaspare Cucinella a teatro

I spaddi m ‘abbrucianu ancora – Ascolta la poesia

I spaddi m’abbrucianu ancora
di quannu abbuscavu tutti ddi lignati
pi aviri datu sulu du vasati a na picciotta
c’avìa pigghiatu a cotta pi mia.
So patri nun vulìa.
Stu gran curnutu,
appena mi vitti cu so figghia,
comu un viteddu ‘nfuriatu,
m’assicutò pi tuttu u siminatu,
sdirrarica un marruggiu du sticcatu
e cumincia a cafuddari supra a mia:
“Ti vogghiu ammazzari,
accussì ti fazzu livari u viziu di turnari!”
“No, pi favuri, mi lassassi iri,
dda vicchiaredda di me matri m’aspetta,
nun virennumi arrivari,
nnà quasetta nun ci po’ cchiù travagghiari!”
E subitu du cielu i catarratti si raperu
e acqua cuminciò a sdilluviari.
U Signuruzzu di mia nun s’avìa scurdatu,
vasinnò ancora dda ‘nterra fussi stinnicchiatu!
E caminannu ‘ntò puzzu senza funnu,
ancora ringraziava u Patreternu,
aspittannu ca si facissi jornu.

Bisogna stare sempre attenti a non farsi scoprire dal padre
dell’innamorata quando la si va a trovare…
meno male che è venuta la pioggia a salvare le spalle

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: