La fabbrica dei sogni

Nta na fabbrica di suonna vogghiu iri a travagghiari.
I patruna nun ci sunnu ca mi ponnu ‘ncatinari.
E mi mettu araciu araciu pigghiu i suonna silinziusu
poi li stennu dilicatu ntò linzuolu arriccamatu
e scantatu i vaiu sfilannu pi putilli arripigghiari tutti sani,
senza dannu accussì vaiu custruennu e travagghiu cu piaciri.
tanti cuosi pozzu fari nun c’è prestu, nun c’è tardu,
nun c’è a cassa integrazioni, nun ci sunnu i ruffiani
l’onorevoli, i baruna, cu ti po’ raccumannari, principali,
suprastanti, tuttu u fangu di la genti ca si senti prepotenti.
Nun c’è nuddu, sulu i suonna,cu li manu di cristallu,
m’accumpari u primu suonnu: iu restu a taliari,
poi mi sentu alliggiriri: tutti cosi s’hannu a fari
e scippamu sti filinii ca li suonna hannu a campari.
Ma chi dicu? C’è cu senti, nun mi pozzu ormai sbagghiari,
nnà ssà fabbrica di suonna nun si po’ cchiù travagghiari!
Stamu tutti a taliari ca la morti av’a rigniari?
Nun vulemu mai capiri, iu mi sentu svacantari.
Ma chi sunnu sti paroli? Iamuninni!
acchianamu supra i negghi e cuntinuamu a fabbricari.
Ddà, supra i negghi, supra i negghi, nu ni ponnu ‘ncuitari!

Il lavoro è sempre una dura realtà piena di contraddizioni e aspetti negativi;
ma come sarebbe bello lavorare in un fabbrica di sogni, dove l’unico pensiero
è offrire sogni e speranze alla gente, e dove lavorare
è finalmente un diritto, un piacevole diritto

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: