Terra di mulinazzu

La torre del mulinazzo

Terra di Mulinazzu – Ascolta la poesia

Era ‘mpastata cu l’acqua di senia
fumeri di sceccu e suli cucenti.
Prufumi di ciuri, girsumini di notti
poi canti e suoni, rusari e nuveni.
Girava lu sceccu ‘ntunnu a la senia:
tirannu acqua svacantava li cati e la gebbia inchia.
Abbivirava fasoli, cucuzzi, tinniruma,
pumaroru, milinciani, pitrusinu e basilicò.
U marinaru di prima matina vinìa di li punti
abbanniannu abbanniannu pisci violi di lu mulinazzu
sarachi, spinuli, rizzi e pateddi. robba viva data pì nenti.
nna la veru scattìa di menzujornu scinnevanu
di la vanedda silinziusa i figghi di Pirricchiu.
purtannu u puzzettu c’u gelatu
e abbanniavanu grirannu:
“U scialacori ca v’ arrifrisca,
u scialacori!”
Scinniri a scalidda, tuffarisi a mari
a cogghiri rizzi e ogghiuamari.
Poi sutta a pinnata la gran tavulata:
maccarruna di casa e vinu friscu
nisciutu ru puzzu.
U zzù Cola Matisi ittava vuci:
“Nun tuccati sti pira
nun sunnu ancora maturi,
girati a la larga, pigghiati ri ddà”
E poi la sira cu l’organettu
u zzù Cola Matisi sunava, sunava
e tutti ballavamu e si cantava.

Un nostalgico scorcio della giovinezza a Cinisi
nei suoi caratteri più tradizionali di un tempo, forse persi per sempre:
la pesca, gli alberi, la costa e i pesci del Mulinazzo,
la spensieratezza delle sere passate in compagnia
tra le mangiate, i balli e le grida allegre dei bambini

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: