Sei un “italiano a Parigi” se…

Un panini, deux panini, trois panini…

– Abiti in una casa piccolissima fatta di mille angoli (angolo cucina, angolo doccia, angolo bagno) con un tavolo pieghevole che si trasforma in asse da stiro all’occasione.

– Ti sei beccato il raffreddore almeno una volta mentre facevi la spesa in uno dei tanti Monoprix, Franprix, Casinò, Champion o Ed di Parigi (i supermercati francesi sono freddissimi rispetto a quelli italiani e i banconi frigo che costeggiano tutto il perimetro dei negozi emanano una temperatura glaciale).

– Vai su tutte le furie ogni qualvolta leggi un menù scritto in uno storpiatissimo italiano (esempio: macaroni al pesto, osso bucco, capucino e pana cotta).

– Hai già rifiutato di mangiare una bistecca al ristorante perché servita con un accompagnamento di spaghetti (che i francesi considerano un contorno).

– Hai ordinato almeno una volta un panini mentre dentro al tuo cuore gridavi che quello si chiama “panino” con una “o” alla fine (si noti che il “panini” non corrisponde al nostro panino – quello è il sandwich – ma è piuttosto un panino piastrato e stracarico di formaggio).

– Le poche volte in cui hai ordinato un caffé in una brasserie di Parigi hai pensato che il barista, avendo frainteso il tuo accento italiano, ti avesse servito una zuppa.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: