Sei un “italiano a Parigi” se…

Un panini, deux panini, trois panini…

– Abiti in una casa piccolissima fatta di mille angoli (angolo cucina, angolo doccia, angolo bagno) con un tavolo pieghevole che si trasforma in asse da stiro all’occasione.

– Ti sei beccato il raffreddore almeno una volta mentre facevi la spesa in uno dei tanti Monoprix, Franprix, Casinò, Champion o Ed di Parigi (i supermercati francesi sono freddissimi rispetto a quelli italiani e i banconi frigo che costeggiano tutto il perimetro dei negozi emanano una temperatura glaciale).

– Vai su tutte le furie ogni qualvolta leggi un menù scritto in uno storpiatissimo italiano (esempio: macaroni al pesto, osso bucco, capucino e pana cotta).

– Hai già rifiutato di mangiare una bistecca al ristorante perché servita con un accompagnamento di spaghetti (che i francesi considerano un contorno).

– Hai ordinato almeno una volta un panini mentre dentro al tuo cuore gridavi che quello si chiama “panino” con una “o” alla fine (si noti che il “panini” non corrisponde al nostro panino – quello è il sandwich – ma è piuttosto un panino piastrato e stracarico di formaggio).

– Le poche volte in cui hai ordinato un caffé in una brasserie di Parigi hai pensato che il barista, avendo frainteso il tuo accento italiano, ti avesse servito una zuppa.

J’accuse – Zola difende Dreyfus

L’edificio che ospitava la sede dell’Aurore

E’ in questo edificio della rue de Montmartre, che ospitava gli uffici del giornale l’Aurore, che il 12 gennaio 1898, Emile Zola diede a Georges Clémenceau, capo-redattore del giornale, la sua lettera al Presidente della Repubblica Félix Faure dimostrando l’innocenza d’Alfred Dreyfus e proclamando la vérité est en marche et rien ne l’arrêtera (la verità è in marcia e niente la fermerà).
Il testo apparve il giorno dopo con il famoso titolo J’accuse!.
Zola scrisse questo famoso articolo per difendere l’ufficiale Dreyfus che era stato imprigionato ingiustamente di aver complottato contro la Francia.
Per capire meglio il senso dell’articolo di Zola bisogna contestualizzarlo nel periodo in cui venne scritto ovvero alla fine del XIX secolo durante la terza Repubblica.
La Francia era da poco stata sconfitta inaspettatamente dall’esercito prussiano nell’ambito della guerra franco-prussiana.
Il popolo francese aveva accettato di malavoglia la sconfitta e cercò un pretesto o un capro espiatorio per giustificare la batosta subita: si disse che la sconfitta era dovuta ad un complotto architettato dagli ebrei che avevano favorito l’esercito prussiano.
Questa insinuazione alimentò inevitabilmente l’odio antisemita in Francia.
Nel 1894, una spia francese che lavorava presso l’ambasciata tedesca come donna delle pulizie trovò in un cestino della spazzatura un documento contenente segreti militari.
L’esercito francese accusò l’ufficiale Alfred Dreyfus di aver consegnato documenti segreti al nemico e lo imprigionò immediatamente presso l’isola del Diavolo.

Emile Zola, indignato per quanto avvenuto, scrisse il famoso articolo intitolato J’accuse in cui denuncia le bugie e le mistificazioni che hanno condotto all’arresto di Dreyfus.
Zola spiega nel suo testo le ragioni per le quali Dreyfus deve essere giudicato innocente e svela il complotto di cui è stato vittima.
Dreyfus è stato scelto come capro espiatorio della sconfitta per poter accusare i cospiratori ebrei.
L’ufficiale francese rappresentava secondo Zola la perfetta vittima di un simile complotto: un militare di successo di razza ebrea.
Dreyfus sarà giudicato colpevole ma nel 1906, 7 anni dopo il suo arresto, il verdetto sarà annullato e l’ufficiale francese sarà rilasciato.
Con la sua iniziativa Zola sfida il sistema giudiziario dell’epoca enfatizzandone le enormi falle e stigmatizzando l’abominevole scandalo di un uomo innocente che viene imprigionato.
Il caso Dreyfus ha diviso a lungo l’opinione pubblica francese tra sostenitori e oppositori della sua colpevolezza e rappresenta un simbolo moderno di un’ingiustizia perpetrata nel nome della ragion di Stato.
Il J’accuse di Zola è ancora oggi considerato un grandissimo capolavoro di giornalismo.

U spitali

L’attesa in ospedale

U spitali – Ascolta la poesia

Sientu ancora u scrusciu ri passi
ca mi portanu o spitali.
U spitali!
U spitali è bellu, minchia ch’è bellu!
Ci sunnu tutti cosi, nun manca nienti:
manca sulu a saluti,
e poi ci sunnu tutt’i malatii ru munnu,
tuttu u ruluri ru munnu,
tutt’a virità ru munnu!
Cu trasi buonu, nesci malatu;
cu trasi malatu, nesci muortu.
Dutturi, si jioca un ternu a lluottu?
Siddu ‘nserta a me malatia,
u fazzu ‘ncucchiari cu me zia.
U dutturi, schiffaratu,
mi talìa cu ‘ll’occhiu di latu:
“Chi cazzu t’à misu ‘ntiesta?
torna rumani, ca oggi è fiesta”.
Vinni u tiempu ri malivistuti:
c’eranu sciancati, sgummati,
‘ntussicati, parìa ‘n’alligrizza!
Cu si futti a sasizza
e cu mori ri dibbulizza.
Gienti c’avianu vinutu appieri,
arrivaru aieri;
chiddi c’avianu vinutu c’u carriettu,
cu circava u rinali pi pisciari;
cu si ‘nfilava u termometru ‘nto culu,
cu si sbattìa i corna o muru;
cu jittava vuci
picchì ‘nna tiesta ci scacciavanu i nuci;
cu abbaragghiava
picchì ‘stu puostu ‘un ci piacìa,
finu a quannu ‘un vinni a ‘zza Lucia,
a ‘nfirmiera ra settima cursìa.
“Auh! Ma chi è ‘stu burdellu!
Ognunu u so puostu av’a pigghiari,
nun cuminciamu a cugghiunari!
Faciti silenziu, ora veni u ‘zzu Crescenziu,
vi porta u manciari, u miricinali,
vi fa stinnicchiari e senza chiacchiariari;
dumani c’a matinata, a diunu,
vi prisintati a unu a unu.
‘Ntantu, ricitivi u rusariu,
raccumannativi o Signuri:
Nun si po’ sapiri mai,
nna ‘stu munnazzu di guai!”

La tragicomica realtà degli ospedali,
un problema purtroppo sempre attuale

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

Nun c’è cchiù nienti

Nun c’è cchiù nienti

Nun c’è cchiù nienti- Ascolta la poesia

Nun c’è cchiù nienti,
Nun c’è cchiù nienti.
Mancu u suli c’è cchiù;
mancu a luna,
mancu u mari, mancu a Terra;
nun c’è cchiù nienti!
I genti runni su?
Semu tutti suli. . .tutti suli:
Ognunu si talia. . .si talia u suo,
nun vuoli viriri a nuddu,
nun vuoli sentiri nienti.
Lastimi, lamenti. . .nun c’è cchiù nienti!
Mancu nuavutri ci siemu:
cu resta?
Nun resta nienti.
Allura chi c’è di fari??
chi ‘mportanza avi si jietti vuci,
chi’mportanza avi cu ti senti?
Allura c’am’a fari. . . Nun c’è nuddu.
Puru l’amuri finiu, ‘unn’arristò nienti.
Chi vulissi fari?. . . Nienti,
nun c’è cchiù nienti’i fari;
sulu na cosa:
forsi ni putemu ammazzari,
chistu nn’arresta forsi ri sta vita
c’a ficiru addivintari . . .na mmerda!

In seguito a eventi decisivi, come la morte di grandi eroi,
siamo di colpo presi da un conato di annichilimento,
l’autodistruzione sembra la soluzione migliore,
o l’unica, in un mondo che non esiste più solo
perché l’abbiamo distrutto noi

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

Terre di Balcania

Terre di Balcania

Terre di Balcania – Ascolta la poesia

Unn’è a putenza
chi distruri l’armi,
sfascia carr’armati,
ferma l’aeroplani
e nun fa scuppiari
i bummi ‘ntelligenti.
Genti sdirradicati
di li propri terri,
nun sannu cchiù cu su!
Scilliratu universu,
munnu suvirchiusu di putiri,
munnu c’asciuca u sangu
e nun ti fa ciatiari,
munnu ca ti scafazza, ti squagghia
e nun ti runa u tempu di vulari,
labirintu di pinseri e di paroli.
Ancili, nun ci ‘nn’è.

Tutte le guerre sono orribili e insensate, e tutti i popoli devono gridare
a voce alta il rifiuto più totale di tutti gli orrori che le accompagnano;
ogni popolo, da quelli che abitano i Balcani, a tutti gli altri,
ha il diritto di vivere e di non essere
in balìa degli interessi dei potenti e dei folli

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

U ventu ‘ncapu u munnu

Piero Impastato alla chitarra

U ventu ‘ncapu u munnu – Ascolta la poesia

U ventu ‘ncapu u munnu
ciusciava supra i stiddi.
A gienti caminavanu nnò cielu
e scumparianu o funnu.
“Nun caminati nnò cielu,
nun l’allurdati,
livativilli i scarpi,
ca o funnu vi nni iti!”
Accussì abbanniava,
cchiù forti chi putìa,
ma a gienti,
parianu tutti surdi,
facianu finta ca nuddu mi sintia.
E ‘nguttumatu mi pigghiava u chiantu.
M’arrimazzava, mi sbattìa nnò munnu,
chi lacrimi stuiava tuttu u cielu,
a gienti ca spirìanu o funnu
nun si virìanu cchiù.
U vientu avìa finutu di ciusciari
e na stidda s’affaccia i sutta u munnu:
“Picchì chianci, qual è a ragiuni?”
“Chianciu pi sta gienti
c’allordanu u cielu,
si nni vannu o funnu
e restanu surdi e me lamenti”
“U cielu nun si po’ mai allurdari,
è accussì luntanu,
ca nun si po’ ‘mmaginari.
Nudda munnizza mai ci po’ arrivari,
Pi chistu a gienti si nni vannu o funnu
e la to vuci nun li po’ chiamari;
s’alluntananu sempri di stu munnu.

Un sogno triste, angosciante e lieto a un tempo,
un invito a non inquinare il cielo;
ma il cielo è troppo bello per essere contaminato
dalla cattiveria umana

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

I niegghi si nni vannu

I niegghi si nni vannu
e u mari,
pigghia u stissu culuri d’u cielu.
Pari na tavula
ca sarva
nno funnu du casciuni
tutti i pisci d’u munnu.
Rintra a varcuzza
c’è l’amu,
a lenza e a trimulina.
“Totò, chi bella pisca sta matina!
T’u ricìa assira,
u tempu è buonu
e a luna è china. . .”

Quando sorge il sole, si risvegliano il cielo ed il mare coi loro colori,
e il mare regala una pesca abbondante all’orgoglioso pescatore

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella