Amo Parigi quando…

Tramonto parigino

Tramonto parigino

Parigi è un miscuglio di razze e culture, un melting pot di etnie e tradizioni, una torre di babele dove centinaia di linguaggi diversi vengono parlati da gente proveniente da ogni parte del mondo.
Parigi è resa unica da tutti gli stranieri che vi abitano e che un giorno probabilmente l’abbandoneranno.
Anch’io sono straniero, anch’io sono Parigi e anch’io prima o poi l’abbandonerò.
Per il momento ho la fortuna di viverci e approfitto fugacemente di quei momenti preziosi che mi fanno adorare questa città meravigliosa.

Amo Parigi quando…

Quando si sveglia alle prime luci dell’alba
Place de la Concorde si colora di arancione e il profumo di pane fresco e croissants invade le strade. I bateaux-mouches cominciano a solcare le acque della Senna e i venditori del mercato di Aligre decantano a squarciagola la freschezza della propria frutta e verdura

Quando un giapponese mi ferma per strada per chiedermi dove si trova il centro Pompidou o il Louvre
Mi fa sentire uno del posto, uno che conosce la città, uno che la ama profondamente

Quando accetto consapevolmente di perdermi tra le sue vie
E riscopro la città con gli occhi di un turista che la attraversa per la prima volta

Quando si svuota durante la prima metà del mese d’Agosto
E riprende la forma di una città normale, meno caotica e più tranquilla

Quando la abbandono per qualche tempo
Per sentire esplodere, dentro di me, la voglia prepotente di ritrovarla e riabbracciarla

Quando la pioggia mi sorprende mentre passeggio lungo la Senna
Le gocce d’acqua che cadono dal cielo aggiungono una dolce nota di malinconia ai passanti che percorrono con lo sguardo le acque miti della Senna e la tranquillità imperturbabile dei bouquinistes

Quando, passeggiando senza meta, scopro un giardino o una piazza che non conoscevo
Perle di rara bellezza si nascondono nel tessuto urbano della ville lumière e aspettano soltanto di essere scoperte dagli occhi avidi di passanti curiosi

Quando incontro qualcuno che conosco, per caso
Milioni di parigini e turisti si mescolano vorticosamente tutti i giorni tra le vie della capitale.
Incontrare un conoscente, per caso, è quasi impossibile. Quando capita è una festa per entrambi e l’anonimato cittadino lascia posto per un breve istante ad un’inattesa familiarità

Quando il sole tramonta sui giardini delle Tuileries
Tingendo di rosso fuoco i volti delle statue e baciando soavemente i turisti seduti attorno alle fontane

Quando osservo il lungo-Senna dalle finestre di un taxi notturno
Parigi conserva il suo fascino più conturbante per i vagabondi notturni che a piedi o in auto attraversano le sue avenues e i suoi boulevards.
La maestosità del Museo d’Orsay, la bellezza dell’isola Saint Louis e il mistero della Conciergerie assumono sfumature uniche di notte ed emanano una magia particolare

Quando la notte s’impossessa della città
E migliaia di comignoli rossi di terracotta illuminano il buio

Annunci

3 Risposte

  1. Sei veramente un poeta…nato e vissuto in una poesia che ti ispira tutti i giorni. Ma io penso che anche se vivi in un deserto sai cogliere da esso la tua incessante ispirazione.

  2. Ho assaporato l aria di parigi leggendo queste frasi credevo di esser lì. …sarà perché non mi è poi così difficile ricordare gli odori e le sensazioni già provate nei miei viaggi….

  3. mi piace questo posto, vi seguirò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: