Un imbarcazione affonda nella Senna

La Senna ha conosciuto quest’anno una delle estati più movimentate della sua storia.
Dopo aver visto un autobus di turisti austriaci (vuoto fortunatamente) precipitare nelle sue acque, il fiume parigino ha inghiottito, il 3 agosto 2010, un grosso battello che trasportava 355 tonnellate di detriti edili.
La chiatta, lunga 38 metri, faceva parte di  un convoglio ed è affondata all’altezza della Tour Eiffel intorno alle 17h30, perturbando la circolazione fluviale tra il ponte dell’Alma e quello d’Iena.
Vedendo l’imbarcazione colare a picco i marinai hanno deciso di scioglierla dal resto del convoglio per evitare che trascinasse con se l’insieme delle chiatte.
L’incidente non ha fatto nessuna vittima ma 1600 litri di gasolio si sono riversati sulla Senna.
Il rischio di inquinamento è stato evitato dall’intervento dei pompieri che  hanno rapidamente circoscritto la fuoriuscita di benzina.
La carcassa della chiatta è stata recuperata grazie all’intervento di una gru.

Un autobus precipita nella Senna

Un incidente insolito e fortunatamente senza gravi conseguenze ha caratterizzato l’estate parigina: un autobus turistico è precipitato nella Senna il 29 luglio scorso.
Un evento eccezionale che ha destato la curiosità dei molti passanti che si trovavano a passare da quelle parti.
Un autobus, parcheggiato a pochi passi della Tour Eiffel e del ponte Iena, ha improvvisamente accelerato in direzione della Senna.
L’autobus che trasportava un gruppo di turisti austriaci era fortunatamente vuoto al momento dell’incidente poiché gli occupanti, autisti inclusi, stavano assistendo a uno spettacolo in un cabaret parigino.
L’insolito incidente non ha fatto vittime ma solo tanta paura e panico soprattutto per gli occupanti del bateau-mouche posteggiato a pochi metri dal luogo in cui l’autobus è precipitato.
Un’inchiesta è stata aperta per cercare di capire le cause di quello che è successo e accertare se l’incidente sia dovuto alla negligenza degli autisti o a un atto di vandalismo.
La polizia e le squadre speciali dei pompieri hanno impiegato un’intera notte per recuperare la carcassa dell’autobus.