Trovare lavoro a Parigi

Trovare lavoro a Parigi

Trovare lavoro a Parigi

Da quando ho messo online il sito Italiani a Parigi e questo blog ho ricevuto tantissime email riguardo la possibilità di trovare un lavoro a Parigi.
Trovare lavoro rappresenta uno dei tasselli fondamentali che permettono, a chi decide di vivere a Parigi, d’integrarsi nel tessuto sociale.
Troverete in questo post alcuni consigli per evitare che la ricerca di un’attività professionale nella ville lumière si trasformi in una snervante odissea.
La capitale francese custodisce una miniera di occasioni che aspettano di essere colte al volo, spetta a voi procedere in maniera intelligente e carpire le tante possibilità disponibili.
Il vostro futuro datore di lavoro non vi chiederà documenti particolari per finalizzare la vostra assunzione: successivamente all’entrata in vigore delle norme comunitarie, tutti i cittadini europei hanno il diritto di spostarsi liberamente in un altro Paese della comunità e trovare un lavoro.
Un tempo agli italiani che si stabilivano in Francia veniva richiesta una carte de séjour per giustificare la loro presenza nel territorio francese, oggi basta semplicemente essere in possesso della carta d’identità.
Altri documenti che dovrete presentare per procedere alla vostra futura assunzione sono il RIB (relevé identité bancaire), un’attestazione della carte vitale e un justificatif de domicile che certifica la vostra residenza attuale.

Tappa obbligata per un italiano a Parigi alla ricerca del suo primo lavoro è il Consolato italiano (5, Boulevard Emile Augier, 75016 Paris).
Recatevi al consolato per visionare gli annunci affissi nella bacheca sita all’ingresso e al tempo stesso lasciate un annuncio in cui vi presentate e spiegate che tipo di lavoro cercate:la vostra caccia al lavoro è iniziata!
Dopo avere depositato il vostro annuncio/CV al Consolato italiano, recatevi all’ Istituto di cultura italiana (73, rue de Grenelle – 75007 Paris) per ripetere la stessa operazione.
Il Consolato e l’Istituto di Cultura sono frequentati quotidianamente da tantissimi italiani residenti a Parigi che consultano sistematicamente gli annunci esposti in bacheca.

Un importante passo da compiere per accelerare la ricerca di lavoro è recarsi all’ANPE (Agence Nationale pour l’emploi), il punto di riferimento indiscusso per la ricerca di lavoro a Parigi che rappresenta l’equivalente del nostro ufficio di collocamento.
L’ANPE dispone di centinaia d’agenzie sparse sul territorio nazionale al fine di facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.
All’ ANPE potrete consultare gli annunci esposti nelle bacheche, ottenere informazioni, navigare su siti specializzati attraverso le postazioni internet e iscrivervi come demandeur d’emploi.
Le agenzie ANPE sono molto ben strutturate e dotate di tutti i mezzi per permettervi di effettuare delle ricerche corrispondenti alle vostre competenze.
Esistono, inoltre, agenzie ANPE specializzate in determinati settori come quello turistico, alberghiero, informatico, dello spettacolo e della ristorazione.
Se la vostra ricerca di lavoro verte principalmente su incarichi di tipo manageriale consultate piuttosto il sito dell’APEC (Association Pour l’Emploi des Cadres) che si rivolge ai giovani diplomati in istituti superiori o Università (almeno 4 anni di studi).

Un altro strumento essenziale per chi si avvicina per la prima volta al l’universo del lavoro francese sono le agenzie CIDJ Centres d’Information et de Documentation Jeunesse che offrono tutta una serie di utili servizi.
Ricordo che durante i primi mesi della mia permanenza a Parigi ero un assiduo frequentatore del CIDJ sito vicino la Tour Eiffel (101, quai Branly – 75015).
Si tratta di luoghi preziosissimi per la vostra ricerca di lavoro e per ottenere informazioni fondamentali sul mondo del lavoro francese.
Troverete uno spazio d’informazione con numerose schede consultabili sugli organismi e le agenzie di collocamento e orientamento, annunci di lavoro e postazioni informatiche.
Numerosi consulenti sono a vostra disposizione per aiutarvi a perfezionare la vostra ricerca, spiegarvi il funzionamento del sistema lavorativo francese, seguirvi nella preparazione del curriculum vitae e della lettera di motivazione.
Da non sottovalutare gli annunci sulle riviste specializzate e sui principali quotidiani francesi come il Figaro (martedì e venerdì) Le Monde (martedì) e Libération (tutti i giorni).

Personalmente ho trovato i miei primi lavoretti tramite il Fusac.
Si tratta di una rivista destinata agli anglofoni di Parigi che propone una sezione di annunci di case in affitto, servizi e numerose opportunità professionali.
E’ possibile consultare gli annunci online anche se la versione cartacea, distribuita gratuitamente in numerosi pub della capitale, contiene molti più annunci.
La gente che pubblica annunci sul Fusac è prevalentemente straniera o si tratta di francesi che hanno l’abitudine del contatto con gli stranieri: cio’ facilita enormemente le cose.
Il mio consiglio è, dunque, quello di concentrarvi su questi annunci.
Bisogna chiamare rapidamente, subito dopo l’uscita del Fusac poichè gli annunci sono attesissimi.

Un metodo essenziale per la ricerca di offerte professionali a Parigi è internet.
La rete propone numerosi strumenti che permettono di ricercare, consultare, e postulare ai tantissimi annunci di lavoro disponibili.
Focalizzatevi inizialmente sugli annunci presenti sui principali portali dedicati agli italiani a Parigi come Italiansonline e Italie à Paris.
Un ottimo strumento online è il sito del Cyberemploi che offre una larga selezione di siti web specializzati nell’offerta di lavoro e più di 5000 siti d’aziende che assumono in Francia.
Il sito l’Hotellerie, invece, propone vari annunci legati al mondo della ristorazione.
Se non parlate ancora il francese potete focalizzare la vostra ricerca sui tantissimi ristoranti e pizzerie italiane sparsi in tutta la città.

Per aumentare maggiormente le vostre possibilità di trovare il lavoro ideale a Parigi, effettuate una ricerca sui principali motori di ricerca lavorativi, magari utilizzando la parola chiave italien, e naturalmente scegliendo Parigi come città.
Eccone alcuni:

Keljob
Wanajob
Monster 
Stepstone 
Hays
Option carriere
Cmonjob
Carriere online
Parisjob

Disoccupazione in aumento

Disoccupazione in aumento

La Francia ha reagito mediamente bene alla crisi e il solido sistema economico dei cugini transalpini ha evitato l’incubo della recessione.
Tuttavia il numero dei disoccupati che risiedono in Francia aumenta in maniera esponenziale.
Il ministro del lavoro Michel Sapin ha recentemente annunciato che il numero dei francesi alla ricerca di un impiego supera la soglia dei tre milioni.
Dal 1999 il numero dei disoccupati non era mai stato così elevato in Francia.
Il governo di François Hollande, già impegnato a fare i conti con il malcontento popolare per le misure d’austerità, ha promesso di mettere in atto tutti i mezzi a sua disposizione per diminuire il tasso di disoccupazione.
Ma come funziona il sistema dello chomage (disoccupazione) in Francia? Come ci si inscrive all’agenzia di collocamento e quale retribuzione spetta ai disoccupati?
Le indennità di disoccupazione ARE (allocation de retour à l’emploi) spettano a tutti quei lavoratori che sono stati privati del proprio lavoro (licenziamento o rupture conventionnelle) e che hanno cumulato i diritti necessari in una o più aziende.

La prima tappa per beneficiare dell’ARE è l’iscrizione a Pole Emploi, l’agenzia di collocamento francese.
L’ex lavoratore che desidera iscriversi come disoccupato e percepire le relative indennità deve prendere un appuntamento utilizzando il sito internet di Pole Emploi o chiamando il numero 3949 (chiamata gratuita da un telefono fisso).
In occasione del suo primo appuntamento lo chomeur (disoccupato) deve presentare un dossier d’iscrizione che riassume la sua vita lavorativa e i seguenti documenti:
– un documento d’identità valido
– un’attestazione vitale rilasciata dalla sécurité sociale o una copia della carte vitale
– un RIB (ovvero i dati del conto bancario)
– l’attestazione destinata a Pole Emploi, rilasciata dall’ex datore di lavoro

Effettuata l’iscrizione, il disoccupato riceve una attestazione che certifica il suo stato di demandeur d’emploi (alla ricerca di un lavoro) e una lettera informativa che riassume la sua nuova situazione nei confronti dello Stato francese.
Conservate gelosamente l’attestazione rilasciata da Pole Emploi se volete beneficiare di alcuni vantaggi sociali destinati ai disoccupati.

Ecco i principali:
–  La maggior parte dei musei sono gratuiti per i disoccupati (Louvre e museo d’Orsay inclusi)
– Le principali catene di cinema francesi (MK2, Pathé, Gaumont) propongono interessanti riduzioni, dal lunedì al venerdì, sui prezzi dei biglietti.
– Se siete disoccupati, tutte le piscine parigine vi aprono le porte gratuitamente.
– I principali operatori telefonici (Orange, SFR, Bouygues) propongono interessanti offerte, a partire da 10€ al mese, dedicate a chi cerca un lavoro.
– Per quanto riguarda i trasporti, la SNCF (ferrovie dello stato) offre uno sconto del 25% per viaggiare in Francia.

Pole Emploi vi comunicherà per posta la somma delle indennità che percepirete ogni mese, il cosiddetto ARE (allocation de retour à l’emploi).
La durata del versamento di queste indennità dipende dalla durata del lavoro che il disoccupato aveva prima della sua iscrizione a Pole Emploi.
Il periodo d’indennizzo equivale ai diritti che il disoccupato ha cumulato nei 28 mesi (per chi ha meno di 50 anni) precedenti alla perdita del lavoro.
Bisogna aver lavorato almeno 122 giorni (610 ore) per beneficiare dell’ARE e la durata dell’indennizzo non può essere nè inferiore a 4 mesi nè superiore a 2 anni (i disoccupati che hanno più di 50 anni possono ricevere l’indennizzo fino a 3 anni).
La somma versata mensilmente omprende una parte fissa e una parte variabile che viene calcolata in funzione dei salari percepiti nel precedente lavoro.
La parte fissa è uguale a 11.57€ mentre la parte variabile equivale al 40.4% del salario giornaliero di riferimento (SJR).
La somma totale percepita dal disoccupato non può essere inferiore al 57.4% ne superiore al 75% del SJR.

Il disoccupato che si iscrive a Pole Emploi non viene retribuito immediatamente.
Bisogna rispettare, infatti, un periodo di attesa (carence) che viene calcolato in base a:
– i congedi rimanenti alla data del licenziamento
– le somme percepite in seguito alla rottura del contratto
– 7 giorni applicati sistematicamente
Il periodo di attesa non può superare i 75 giorni.

Completate le procedure d’iscrizione e trascorso il periodo di attesa, Pole Emploi verserà ogni mese il montante della vostra indennità ARE.
Il versamento si basa sulla dichiarazione di ricerca di lavoro che il disoccupato effettua ogni mese via internet, telefonicamente o recandosi in un’agenzia Pole Emploi.
Questa formalità è indispensabile per il pagamento dell’indennizzo di disoccupazione.

Per beneficiare del pagamento dell’ARE, il disoccupato deve inoltre:
– Giustificare una ricerca attiva di lavoro
– Risiedere nel territorio francese
– Presentarsi fisicamente agli appuntamenti fissati da Pole Emploi

La fine di un contratto

La fine di un contratto

Nell’ambito di questo blog ho già sviluppato tematiche legate al mondo del lavoro a Parigi: cercare e trovare un lavoro, le varie forme contrattuali o ancora le sfumature culturali.
Gli italiani che si trasferiscono a Parigi per motivi di lavoro possono anche imbattersi in un problema diverso dalla ricerca del lavoro: la perdita dell’impiego.
Se è vero che la ricerca del lavoro è un tassello essenziale nel cammino di un italiano che decide di mollare tutto per inventarsi una nuova vita nella ville lumière, è ugualmente vero che perdere un lavoro rappresenta un momento delicato sia materialmente che psicologicamente.
Per questo motivo è bene informarsi e studiare attentamente i propri diritti per evitare che il datore di lavoro, magari approfittando del fatto che siete italiani e non conoscete bene la legislazione francese, approfitti della situazione per privarvi di ciò che vi spetta.

Ecco le principali forme di rottura di un contratto a durata indeterminata in Francia.

Dimissioni
La volontà di interrompere un rapporto lavorativo può talvolta provenire dall’impiegato.
Un lavoro troppo stressante, fenomeni di mobbing orizzontale (da parte di uno o più colleghi) o verticale (da parte dei dirigenti) o semplicemente il desiderio di cambiare impiego possono indurre un lavoratore a interrompere spontaneamente la collaborazione con il proprio datore di lavoro.
Il diritto di un salariato di dimissionare rappresenta il corollario del diritto del datore di lavoro di licenziare i suoi impiegati: la differenza principale risiede nel fatto che la dimissione non deve necessariamente essere motivata.
Il metodo più utilizzato per manifestare al proprio capo la volontà di lasciare la propria funzione lavorativa è attraverso una lettre récommandée avec avis de réception (lettera raccomandata con avviso di ricevuta).
La dimissione non ha bisogno nè di essere motivata nè di essere accettata dal datore di lavoro.
La legge francese non prevede l’obbligo di eseguire alcun periodo di preavviso prima di lasciare il proprio lavoro.
Tuttavia il contratto che avete firmato all’assunzione e la convenzione collettiva che regolano la vostra professione stabiliscono sicuramente un periodo di preavviso (solitamente un mese) che potrete negoziare con il vostro capo chiedendo di esserne dispensati.
In seguito alle dimissioni riceverete, nell’ultima busta paga, un’indennità compensatrice per le ferie rimanenti e un’indennità di preavviso (se il datore di lavoro ha accettato di dispensarvene).
Lo svantaggio principale delle dimissioni è il fatto che (a parte pochissimi casi particolari: dimissioni per seguire il coniuge, dimissioni di un giovane per seguire i genitori, dimissioni a causa di molestie sessuali subite sul lavoro) non consente di percepire l’ARE (allocation de retour à l’emploi) ovvero le indennità di disoccupazione.
In buona sostanza, se decidete di dare le dimissioni non avrete diritto allo chomage .

Licenziamento
Secondo la legge del 13 luglio 1973, il licenziamento di un salariato deve essere fondato su un valido motivo relativo al comportamento del lavoratore interessato o su ragioni economiche indipendenti dal salariato.
Un datore di lavoro non può licenziare un suo impiegato senza una giusta causa altrimenti il licenziamento sarà giudicato abusivo e i pregiudizi subiti dal salariato dovranno essere risarciti.
Esistono vari motivi e gradi d’importanza per licenziare un impiegato, il diverso tipo di licenziamento ha importanti conseguenze sulle indennità percepite e sui successivi diritti del lavoratore.
Il licenziamento per motivi personali comprende tre diverse categorie: per giusta causa (cause réelle et sérieuse), errore professionale grave (faute grave), errore professionale gravissimo (faute lourde).

Licenziamento per giusta causa
La giusta causa può essere considerata la forma di licenziamento meno severa che un datore di lavoro possa opporre a un lavoratore.
Questa forma di licenziamento può essere applicata solamente se i fatti rimproverati al lavoratore sono esatti, verificati (materialmente verificabili o giuridicamente provabili), precisi e oggettivi.
Il dirigente dell’azienda può utilizzare come giusta causa anche elementi inerenti alla mansione professionale dell’impiegato: il non raggiungimento degli obiettivi fissati, ritardi reiterati, il rifiuto di accettare una leggera modifica degli orari di lavoro o il rifiuto di partecipare a un progetto aziendale.
Il lavoratore che reputa che la causa sollevata dal datore di lavoro sia ingiusta può fare ricorso al conseil de prud’hommes che riesaminerà il caso.
Se la legge francese stipulerà che il licenziamento è infondato e abusivo, il lavoratore avrà diritto a un rimborso proporzionato al pregiudizio subito.

Licenziamento per errore professionale grave
Il datore di lavoro può licenziare il lavoratore per errore grave se riscontra una chiara violazione degli obblighi legati al contratto di lavoro (assenze ingiustificate senza autorizzazione, comportamento scorretto verso la dirigenza) .
Il salariato viene privato immediatamente del suo impiego e non ha il diritto di effettuare un periodo di preavviso in azienda.
Questa forma di licenziamento priva il salariato delle indennità di preavviso e di licenziamento; solamente le indennità relative ai congedi non utilizzati saranno pagate al lavoratore.

Licenziamento per errore professionale gravissimo
E’ la forma di licenziamento più grave.
Si applica nei casi di evidente intenzionalità da parte del lavoratore di causare danni all’azienda e ai suoi membri: spionaggio industriale, divulgazione di segreti professionali, appropriazione illecita di fondi, aggressione fisica, falsificazione di documenti.
Le conseguenze del licenziamento per errore gravissimo sono le più estreme.
Il lavoratore viene allontanato immediatamente dall’azienda (la cosiddetta mise à pied) e gli vengono negate tutte le indennità legate al contratto di lavoro.

Licenziamento per motivi economici
Il licenziamento per motivi economici viene effettuato per motivi indipendenti dal lavoratore e legati alle difficolta economiche dell’azienda.
Il datore di lavoro può decidere di utilizzare questa forma di licenziamento solo dopo aver proposto al lavoratore un’altra funzione all’interno dell’azienda.
Il lavoratore che subisce un licenziamento economico può beneficiare della convenzione CSP (Contrat Sécurisation Professionnelle) che gli garantisce un periodo di orientamento, di consulenza professionale e soprattutto l’80% del suo salario lordo durante 12 mesi.

Qualunque sia la forma di licenziamento subita (anche per errore grave) il lavoratore licenziato avrà comunque diritto all’ARE, ovvero alle allocazioni di disoccupazione (chomage), che equivale a circa il 60% del salario lordo percepito.
Importante: Per percepire l’ARE bisogna aver lavorato almeno quattro mesi nel corso dei 28 mesi precedenti al licenziamento.

Rupture conventionnelle
La rottura convenzionale (rupture conventionnelle) si piazza a metà tra le dimissioni e il licenziamento.
Il datore di lavoro e il lavoratore decidono di comune accordo di porre fine alla loro collaborazione professionale.
Si tratta di un ottimo compromesso per entrambe le parti: l’azienda pone fine al contratto di lavoro senza utilizzare il licenziamento, il lavoratore beneficia delle indennità di disoccupazione.
Questo tipo di rottura del contratto di lavoro si rivela particolarmente vantaggioso per il lavoratore che può negoziare con l’azienda una somma forfettaria relativa alle sue indennità di rupture conventionnelle sulla base dell’anzianità e del pregiudizio subito.
La negoziazione delle indennità di rottura è un momento cruciale di questo processo che va affrontato con la giusta dose di razionalità e sangue freddo.
Se vi troverete al tavolo della trattativa con l’azienda, non giocate al ribasso.
Mirate a ottenere una cifra elevata e tenete presente che spesso le aziende cedono alle richieste dei lavoratori poiché preferiscono accordare una rottura convenzionale piuttosto che un licenziamento economico (che è più fastidioso e limitante per un’azienda).
Trovato un accordo, le due parti firmano un documento che attesta l’avvenuta rottura del rapporto lavorativo.
La definitiva rottura del contratto sarà effettiva dopo un periodo di omologazione e l’avallo dell’ispettore del lavoro.

A prescindere dal tipo di rottura (dimissioni, licenziamento, rottura convenzionale o altro) del vostro contratto, il datore di lavoro deve in ogni caso consegnarvi alla fine del rapporto di lavoro i seguenti documenti legali:
– un certificato di lavoro
– un documento chiamato solde de tout compte che riassume le somme percepite dal lavoratore
– un’attestazione destinata a Pole Emploi (l’agenzia di collocamento francese).

I contratti di lavoro

CDI, CDD, interim, …

La prima esperienza lavorativa a Parigi corrisponde il più delle volte a un lavoro interinale.
Tantissime sono le possibilità nel settore turistico, alberghiero e della ristorazione ma anche in altri campi verso i quali potranno indirizzarvi le tantissime agenzie sparse sul territorio di Parigi.

Eccovene alcune:

Adecco
Manpower
Randstad
Presticer

Interim Nation
Adia

Groupe GR
Kelly

Il contratto interim era stato inizialmente ideato per rimpiazzare eccezionalmente impiegati di un’azienda per periodi di tempo limitati.
Negli ultimi anni questa forma di contratto è cresciuta in maniera esponenziale diventando una pratica comune nel mondo del lavoro e non più un’eccezione.
E’ una forma di contratto incerta e insicura ma tale incertezza viene ricompensata attraverso un bonus relativo alla precarietà.
Il bonus concesso al lavoratore precario ammonta al 10% della remunerazione lorda ricevuta per la missione che gli viene versato alla fine del contratto.
Tale indennità di precarietà non spetta al lavoratore se quest’ultimo viene assunto a tempo indeterminato dall’azienda.
In questo caso il lavoratore percepisce le indennità di fine missione (IFM).

Al di là del lavoro interinale, la forma di contratto più diffusa in Francia è il CDI (contratto a durata indeterminata) che lega il lavoratore al datore di lavoro per una durata illimitata.
Il CDI può essere rotto dal salariato (dimissioni) o dal datore di lavoro (licenziamento) sulla base di una giusta causa.
Altra forma contrattuale molto diffusa è il CDD che prevede l’assunzione di un lavoratore per un periodo di tempo determinato inizialmente. Il CDD può essere rinnovato e può portare a un CDI.
Per maggiori informazioni sulle forme contrattuali francesi, visitate il sito Juritravail.