I primi paroli

Le prime parole

I primi paroli – Ascolta la poesia

Eranu i primi paroli,
eranu rosi, gelsumini, violi. . . .
U ciavuru si pirdeva luntanu;
c’era cu ti dava na manu
a fari nesciri r’i paroli u suonu
ca ‘ncelu acchianava,
ca ‘nterra scinneva.
Poi, araciu araciu, scurava
e tu javi a fari vovò.
nsunnavi i cosi cchiù belli:
a sciscì, u fifì, u popò.
Quannu u suli acchianava,
spuntava u zizzì c’u stesté;
ruci ruci ti pigghiava ‘ncoddu
ti faceva muntari a cavaddu:
“Amunì – ti dicia – jamuninni a ddiddì”
e ‘mienzu l’ erba criscevanu i ciuri.
A vuci d’u mummù
a sintevi i luntanu
e puru a vuci d’u memmé,
d’i ciccì, ca ti facevanu l’ovu
e tu. . . . cantavi i tò canzuna.
Ma poi, u chiantu d’un vavà sintevi:
avìa pitittu e nun aveva pani,
sinteva friddu e nun putìa quariari,
aveva sonnu e nun putìa durmiri.
Puru tu chiancevi
ca nun sapìa chi fari.

Tutti ricordiamo la nostra fanciullezza, e le giornate all’aria aperta,
i sogni, e attraverso i suoni onomatopeici di un tempo,
rievochiamo le nostre gioie, le nostre paure da bambini,
che forse ora si sono perse per sempre
lungo il cammino, insieme a quei suoni

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella

Nun scurrìa cchiù lu sangu

Gaspare Cucinella

Nun scurria cchiu lu sangu – Ascolta la poesia

Nun scurrìa cchiù lu sangu ‘nta li strati,
la terra cuminciava a rispirari,
cantavanu li vuci di lu munnu
ca la morti nun putìa rignari.

Tutti cosi accussì ‘nsunnava,
nun c’eranu patruna e guvirnanti
e la parola mafia nun campava
nta lu novu putiri di la genti.

Ma chi sunnu ‘sti suonna c’haiu cantatu,
ca ora mi ritrovu senza nienti:
‘Mparadisu già cci avia arrivatu.
A virità è fatta di lamenti.

Tutti i negghi d’u cielu am’a sfardari
Stà cosa mintiemuni ‘nta testa
e scavamu nn’o munnu pi stanari
i patruna d’i trona e d’a timpesta.

Chi ci tinemu sti vrachi a pinnuluna
nn’o mentri ca vugghi la quarara,
nun suppurtamu cchiù sti balatuna
ca l’occhi ni nisceru puru i fora.

Susemuni e facemuli trimari,
puru ca caminamu tutti apperi.
I nostri carni sempri am’a guardari
picchì accussì ni vonnu scafazzari.

Ma nuddu nna ddu fossu mi taliava,
ognunu si scartava la so via
e nun sapennu siddu poi agghiurnava,
si nni ìanu tutti a la campia.

D’accussì mi vosi scannaliari
di diri tutti i suonna c’haiu ‘nsunnatu.
Di ccà ‘nnavanti, inveci di parrari,
‘ntallariu la birritta l’haiu a jttari.

La voce di rivolta di un siciliano alla gente, e l’angosciosa sensazione
di non essere ascoltati, come in un incubo, un’allucinata visione di un mondo
che è stato liberato, ma la realtà è ben diversa

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella