Il sacro concetto di laicità

Le suggestioni di Google per François Hollande

Il concetto di laicità in Francia è qualcosa di sacro.
Questa affermazione ossimorica riassume perfettamente lo spirito dei francesi che sventolano orgogliosi la bandiera della laicità ma che, in realtà, danno un grande peso alla religione.
I francesi puntano il dito contro noi italiani e stigmatizzano, ridendo sotto i baffi, l’ingerenza della chiesa sullo Stato e sulla cultura italiana.
I cugini mangia-baguette inorridiscono  nell’apprendere che sui muri della maggior parte delle scuole pubbliche italiane campeggia un crocifisso e gridano in coro slogan laici che inneggiano alla libertà di culto e al rispetto di tutte le religioni.
La nostra costituzione (come quella francese) dice che l’Italia è uno stato laico ma la presenza del Vaticano nel territorio italiano ha conferito un maggiore peso alla compagine cattolica nel Belpaese e ha contribuito a forgiare un popolo condizionato dal pensiero cristiano.
La Francia rivendica fieramente la sua laicità e il rispetto incondizionato di tutti i culti religiosi.
In occasione del paradossale caso del presepe sugli Champs Elysées dello scorso Natale, avevo già sottolineato come l’eccessiva ricerca del rispetto di tutte  le religioni raggiunga momenti parossistici che rasentano l’assurdità.
Se i francesi dichiarano di essere un Paese laico in cui religione e politica sono due sfere nettamente separate e distinte, i fatti dimostrano il contrario.

La prova dell’importanza della religione nella società francese è stata palesata recentemente.
Numerose associazioni francesi hanno attaccato la società Google perché il suo motore di ricerca associa automaticamente il termine “ebreo” al nome di varie personalità politiche tra le quali François Hollande.
Se provate a scrivere il nome del presidente della repubblica francese su Google.fr, il motore vi consiglierà di associare al nome di Hollande al termine “juif”.
Lo stesso esperimento funziona anche scrivendo il nome di altre personalità politiche come Nicolas Sarkozy, Jean-Marc Ayrault e Bill Clinton, Google associa il nome di queste personalità al termine ebreo.
I responsabili di Google hanno spiegato di non potere intervenire sull’algoritmo del software e che le suggestioni proposte dal motore sono basate sulla frequenza di ricerca degli internauti.
In pratica se la maggior parte dei francesi cerca di sapere se Hollande è ebreo, Google memorizza il dato e lo propone sistematicamente agli utenti.
Quello che emerge sintomaticamente da questo caso è che i francesi, che cercano informazioni sulle personalità politiche del proprio Paese, vogliono innanzitutto avere informazioni riguardo al loro orientamento religioso.
Ma la Francia non era un Paese laico? E i francesi non se ne fregavano del culto religioso dei propri uomini politici?
Evidentemente non è così e il peso della religione si fa sentire anche in Francia.
In un Paese veramente laico i cittadini dovrebbero disinteressarsi del culto religioso dei politici.
La religione non dovrebbe essere un criterio talmente importante da condizionare lo sguardo e il giudizio che rivolgiamo al nostro prossimo.

La sinagoga della rue Pavée

La sinagoga della rue Pavée

Le testimonianze dell’Art Nouveau sono disseminate un pò dappertutto a Parigi e talvolta possono concretizzarsi in opere sorprendenti.
Nella stretta e grigia rue Pavée, nascosta dai palazzi circostanti, si trova un gioiello architettonico di rara eleganza realizzato dal celebre Hector Guimard, il maggiore rappresentante dell’Art Nouveau in Francia.
Un’imponente facciata, caratterizzata da finestre alte e strette, si presenta agli occhi dei passanti in tutta la sua grandiosità e magnificenza.
La vocazione di questo edificio non è immediatamente comprensibile se non si considera la stella di Davide che ha rimpiazzato un antico triangolo.
E’ una sinagoga che testimonia la massiccia presenza della comunità ebraica in questo quartiere di Parigi comunemente conosciuto con il nome di Marais.
Gli ebrei si insediarono in questo arrondissement, che ospita tra l’altro la frequentatissima Place desVosges, soprattutto all’inizo del XX secolo.
La sinagoga della rue Pavée fu commissionata a Guimard dalla comunità ebraica del quartiere che pagò collettivamente la realizzazione dell’opera.
L’architetto parigino, famoso per aver decorato in maniera inconfondibile alcune stazioni della metropolitana, disponendo di uno spazio esiguo decise di sviluppare la struttura dell’edificio in altezza.
All’interno, due mezzanine laterali costeggiano la navata centrale e la luce penetra grazie alle vetrate del tetto e un’ampia vetrata situata nel fondo della navata.
Guimart, che concepiva le sue opere nella loro totalità, ha inoltre realizzato i mobili, le decorazioni, le panchine, i lampadari e gli elementi liturgici.

10, rue Pavée
75004 Paris
Visitabile esclusivamente su richiesta o durante le Journée du Patrimoine