Caldo e afa a Parigi: c’est la canicule!

Caldo e afa anche a Parigi

Quella che stiamo vivendo è una delle estati più torride degli ultimi anni.
Da venerdi scorso qui a Parigi non si respira: oggi si è registrata la temperatura record di 39° e i parigini sono letteralmente soffocati dal caldo. Le previsoni meteorologiche della settimana prossima annunciano temperature ugualmente alte.
Un allarme afa (qui viene chiamata canicule) è stato diramato dalla prefettura che ha invitato gli abitanti della capitale a rendere visita alle persone anziane e a verificarne le condizione di salute.
Nel 2003, in tutta la Francia, una lunga ondata di afa aveva mietuto numerose vittime soprattutto tra gli anziani.
Parigi è avvolta da una cappa d’aria calda e i parigini, in assenza di spiagge e di mari dove potersi tuffare, si rinfrescano come possono.

Eccovi alcune delle possibilità che Parigi offre ai suoi abitanti accaldati.
Una delle soluzioni maggiormente utilizzate per rinfrescarsi è quella di gettarsi nelle fontane pubbliche per concedersi un bagno rigenerante.
Sono tantissime le fontane della capitale francese, da quella di Saint Sulpice a quelle del Trocadero passando per le fontane dei giardini delle Tuileries, e tutte vengono sistematicamente prese d’assalto da parigini e turisti accaldati.
Ufficialmente il bagno nelle fontane è vietato dalla municipalità di Parigi poichè la qualità dell’acqua non si presta a tale attività; ufficiosamente, però, nessuna multa è mai stata inflitta ai parigini sorpresi a sguazzare nelle acque delle fontane della ville lumière.
Un’alternativa al bagno nelle fontane sono i getti d’acqua presenti in alcuni giardini della capitale come il parco André Citroen, nel XV arrondissement, dove 64 getti controllati elettronicamente si alzano e si abbassano simulando il movimento delle onde.
I più romantici possono concedersi un bagno nelle cascate di Belleville da dove è possibile abbracciare d’un solo sguardo l’intera capitale o fare una capatina notturna in una delle piscine che restano aperte dopo le 20h come la piscina Pailleron, nel XIX arrondissement, e la Pontoise, nel V.
Chi volesse optare per una soluzione più costosa (38€ a persona) può fare un salto all’hotel Kube, un vero e proprio igloo di ghiaccio dove, a una temperatura sotto lo zero, vengono servite vodke ghiacciate e altri cocktail.
E’ fortemente sconsigliato restare a torso nudo mentre passeggiate per le vie di Parigi, potreste incappare in una multa di 38€!
Un ultimo consiglio: bevete tantissima acqua.

Annunci

Variazione cromatica parigina

La fontana Wallace rossa

I parigini e i turisti più attenti si saranno sicuramente accorti della rivoluzione cromatica che ha interessato le fontane Wallace.
Alcune tipiche fontane parigine hanno temporaneamente cambiato colore per assumere tinte accese che si allontano decisamente dal colore verde abituale: una vera e propria rivoluzione visuale realizzata per enfatizzare la modernità di questi elementi urbani che fanno parte della storia della capitale francese.
La società Semapa che si occupa del rinnovamento urbano del XIII arrondissement ha scelto quest’originale sistema cromatico per identificare i nuovi quartieri.
La zona delle Olympiades che ospita la Chinatown parigina ha visto l’apparizione di una fontana rossa mentre una fontana gialla è spuntata vicino la Biblioteca Nazionale Francois Mitterand.
Il progetto include anche una fontana blu e una rosa che dovrebbero comparire prossimamente nel paesaggio urbano della ville lumière.
Lo scopo principale di questo relooking cromatico è la volontà d’identificare in maniera originale e atipica le zone della città in rifacimento.
Le fontane torneranno al loro colore originario, ovvero un verde intenso, quando i cantieri saranno terminati.

Le sfere del Palais Royal

Le sfere del Palais Royal

Poco lontano dalle colonne di Buren, nel giardino del Palais Royal, si trovano le sfere di Bury.
Sono costituite da due originali fontane poste tra il giardino e il portico del Palais Royal: dieci sfere d’acciaio inossidabile riflettono i colori del cielo e le sfumature dell’immenso colonnato.
L’opera di Bury colpisce per il contrasto tra la leggerezza dell’acqua che zampilla da queste fontane e la fredda densità dell’acciaio.
Pol Bury è stato un’artista surrealista belga specializzato in fontane.
Tra le sue più belle realizzazioni ricordiamo la fontana dell’università dell’Iowa (1969) e quella della Fondazione Maeght (1978).

L’elefante della Bastille

L’elefante della Bastille

Forse non tutti sanno che, prima di accogliere la colonna di Luglio, la piazza della Bastiglia era decorata da un’enorme fontana a forma di elefante.
Nel 1808, Napoleone desideroso di lasciare un segno della grandezza del suo impero decise di erigere una fontana gigantesca nel luogo in cui un tempo sorgeva la prigione.
La realizzazione dell’opera fu affidata agli architetti Percier e Fontaine che costruirono soltanto le fondamenta della fontana.
Nel 1813 un modello a grandezza naturale, realizzato in gesso, venne sistemato al posto della fontana.
L’enorme pachiderma divenne rapidamente un terreno di gioco per i bambini del quartiere come testimonia un passo dei Miserabili di Victor Hugo che descrive il piccolo Gavroche che si nasconde nella carcassa dell’animale.
La statua fu smontata nel 1846 e dalle rovine dell’animale sbucarono numerosissimi ratti che infestarono il quartiere per svariate settimane.

La Pétillante

La Pétillante

Una città come Parigi racchiude un’infinità di curiosità pronte a dispiegarsi davanti gli occhi degli animi curiosi.
Mantenete uno spirito attento e ricettivo durante le vostre passeggiate parigine, potreste imbattervi in scoperte inattese che si celano dietro gli angoli della capitale francese.
La settimana scorsa una fontana d’acqua frizzante, ribattezzata simbolicamente La Pétillante, è stata installata nel Parco di Reuilly, nel XII arrondissement di Parigi.
La fontana, realizzata in Italia, rappresenta il primo esemplare nazionale capace di erogare la tanto famosa acqua con le bollicine.
La Pétillante, la cui forma ricorda quella di un’edicola parigina, dispone di sei rubinetti e distribuisce acqua a temperatura ambiente, fresca e frizzante.
L’accesso alla fontana è totalmente gratuito e può essere effettuato durante gli orari d’apertura del parco.
Concetto innovativo per la Francia, la fontana frizzante è già ampiamente diffusa nel territorio italiano che conta ben 215 esemplari.

Jardin de Reuilly
Avenue Daumesnil
75013 Paris

L’Embacle di Place du Québec

La fontana di Place du Quebec

Questa particolarissima fontana caratterizza la Place du Québec, nel quartiere Saint germain des Prés.
Fu nel 1980 che la piccola piazzetta situata all’incrocio tra la rue de Rennes e la Rue Bonaparte, prese il nome della più grande provincia del Canada, in onore della fontana offerta nel 1894 dal governo canadese.
La fontana realizzata da Gindre e Dodelin prende il nome di Embacle e sembra sollevare il marciapiede con la sua forza.
Le placche di bronzo che formano la scultura sono situate in continuità del marciapiede dando l’impressione che sia stato sollevato dal getto d’acqua.

Place du Québec
75006 Paris

Un’insolita balena blu

Un’insolita balena blu

Parigi trabocca di stranezze e curiosità in ogni suo angolo: rappresentazioni artistiche e creazioni insolite possono presentarsi sotto i vostri occhi a ogni momento.
Se vi trovate a passare in uno dei tanti giardini del XII arrondissement, aprite bene gli occhi e utilizzate il vostro spirito di osservazione per godervi una stupenda fontana a forma di balena blu.
L’opera situata al centro dello Square Saint Eloi (ribattezzato dai bambini Square della balena) è stata realizzata in resina di poliestere, nel 1982, da Michel Lecorre.
La presenza della balena, che è interamente ricoperta da tessere di mosaico, vuole sensibilizzare i passanti sulle specie animali a rischio di estinzione.

Square Saint-Eloi
11 rue du Colonel Rozanoff
75012 Paris
Métro : Montgallet