Euro 2016 – La Francia celebra il calcio

euro 2016

Euro 2016

La fase finale della quindicesima edizione del campionato Europeo di calcio, l’UEFA EURO 2016, si terrà in Francia dal 10 giugno al 10 luglio 2016.
Per la terza volta nella sua storia, l’Esagono accoglierà le migliori squadre europee che si contenderanno il titolo di campione d’Europa:  51 partite attireranno  circa due milioni e mezzo di spettatori nei dieci stadi scelti per la competizione.
Il sorteggio di Parigi ha inserito l’Italia in un girone difficile insieme a Belgio, Svezia e Irlanda.
La Francia, che inaugurerà l’EURO 2016 venerdi 10 giugno contro la Romania, ha un girone più abordabile: oltre ai rumeni, i cugini francesi affronteranno Albania e Svizzera.
Forza Azzurri!

Ecco il calendario della fase finale dell’EURO 2016:

Fase a gironi :
Venerdi 10 giugno, 21h:00 (Saint-Denis) : Francia – Romania – Gruppo A
Sabato 11 giugno, 15h:00 (Lens) : Albania – Svizzera – Gruppo A
Sabato 11 giugno, 18h:00 (Bordeaux) : Galles – Slovacchia – Gruppo B
Sabato 11 giugno, 21h:00 (Marsiglia) : Inghilterra – Russia – Gruppo B

Domenica 12 giugno, 15h:00 (Parigi) : Turchia – Croazia – Gruppo D
Domenica 12 giugno, 18h:00 (Nice) : Polonia – Irlanda del Nord – Gruppo C
Domenica 12 giugno, 21h:00 (Lille) : Germania – Ucraina– Gruppo C
Lunedi 13 giugno, 15h:00 (Toulouse) : Spagna – Repubblica Ceca– Gruppo D

Lunedi 13 giugno, 18h:00 (Saint-Denis) : Irlanda- Svezia – Gruppo E
Lunedi 13 giugno, 21h:00 (Lione) : Belgio- Italia – Gruppo E
Martedi 14 giugno, 18h:00 (Bordeaux) : Austria -Ungheria – Gruppo F
Martedi 14 giugno, 21h:00 (St-Étienne) : Portogallo- Islanda – Gruppo F

Mercoledi 15 giugno, 15h:00 (Lille) : Russia – Slovacchia – Gruppo B
Mercoledi 15 giugno, 18h:00 (Parigi) : Romania – Svizzera – Gruppo A
Mercoledi 15 giugno, 21h:00 (Marsiglia) : Francia – Albania – Gruppo A
Jeudi 16 giugno, 15h:00 (Lens) : Inghilterra – Galles – Gruppo B

Jeudi 16 giugno, 18h:00 (Lione) : Ucraina- Irlanda del Nord – Gruppo C
Jeudi 16 giugno, 21h:00 (Saint-Denis) : Germania – Polonia – Gruppo C
Vendredi 17 giugno, 15h:00 (Toulouse) : Italia – Svezia – Gruppo E
Vendredi 17 giugno, 18h:00 (St-Étienne) : Repubblica Ceca- Croazia – Gruppo D

Vendredi 17 giugno, 21h:00 (Nice) : Spagna – Turchia – Gruppo D
Sabato 18 giugno, 15h:00 (Bordeaux) : Belgio- Irlanda– Gruppo E
Sabato 18 giugno, 18h:00 (Marsiglia) : Islanda -Ungheria – Gruppo F
Sabato 18 giugno, 21h:00 (Parigi) : Portogallo- Austria – Gruppo F

Domenica 19 giugno, 21h:00 (Lille) : Svizzera – Francia – Gruppo A
Domenica 19 giugno, 21h:00 (Lione) : Romania – Albania – Gruppo A
Lunedi 20 giugno, 21h:00 (St-Étienne) : Slovacchia – Inghilterra – Gruppo B
Lunedi 20 giugno, 21h:00 (Toulouse) : Russia – Galles – Gruppo B

Martedi 21 giugno, 18h:00 (Parigi) : Irlanda del Nord – Germania – Gruppo C
Martedi 21 giugno, 18h:00 (Marsiglia) : Ucraina- Polonia – Gruppo C
Martedi 21 giugno, 21h:00 (Bordeaux) : Croazia – Spagna – Gruppo D
Martedi 21 giugno, 21h:00 (Lens) : Repubblica Ceca- Turchia – Gruppo D

Mercoledi 22 giugno, 18h:00 (Lione) :Ungheria – Portogallo– Gruppo F
Mercoledi 22 giugno, 18h:00 (Saint-Denis) : Islanda – Austria – Gruppo F
Mercoledi 22 giugno, 21h:00 (Nice) : Svezia – Belgio – Gruppo E
Mercoledi 22 giugno, 21h:00 (Lille) : Italia – Irlanda – Gruppo E

Ottavi di finale (Eliminazione diretta)
Match 1 : Secondo Gruppo A – Secondo C (15h:00, 25 giugno, St-Étienne)
Match 2 : Primo D – Terzo B/E/F (21h:00, 25 giugno, Lens)
Match 3 : Primo B – Terzo A/C/D (18h:00, 25 giugno, Parigi)
Match 4 : Primo F – Secondo E (21h:00, 26 giugno, Toulouse)
Match 5 : Primo C – Terzo A/B/F (18h:00, 26 giugno, Lille)
Match 6 : Primo E – Secondo D (18h:00, 27 giugno, St-Denis)
Match 7 : Primo A – Terzo C/D/E (15h:00, 26 giugno, Lione)
Match 8 : Secondo B – Secondo F (21h:00, 27 giugno, Nice)

Quarti di finale
Giovedi 30 giugno, 21.00 (Marsiglia): Vincitrice Match 1 v Vincitrice Match 3 – QF1
Venerdi 1 luglio, 21.00 (Lille): Vincitrice Match 2 v Vincitrice Match 6 – QF2
Sabato 2 luglio, 21.00 (Bordeaux): Vincitrice Match 5 v Vincitrice Match 7 – QF3
Domenica 3 luglio, 21.00 (Saint-Denis): Vincitrice Match 4 v Vincitrice Match 8 – QF4

Semifinali
Mercoledi 6 luglio, 21.00 (Lione): Vincitrice QF1 v Vincitrice QF2 – SF1
Giovedi 7 luglio, 21.00 (Marsiglia): Vincitrice QF3 v Vincitrice QF4 – SF2

Finale
Domenica 10 luglio, 21.00 (Saint-Denis): Vincitrice SF1 v Vincitrice SF2

Annunci

I love Martine

I love Martine

I love Martine

Per festeggiare il sessantesimo anniversario della nascita di Martine, il Musée en Herbe ospita un’esposizione che rende omaggio alla celebre bambina protagonista di migliaia di libri illustrati.
L’infanzia di tutti i francesi è stata accompagnata dalle avventure di questa dolce ragazzina nata dal pennello di Marcel Marlier e dalla fantasia di Gilbert Delahaye.
La mostra I love Martine ci conduce all’interno di un gigantesco libro costellato da immagini e ricordi imbevuti di nostalgia.
Dal 1954, ovvero da più di mezzo secolo, Martine, i suoi fratelli Jean e Alain, Patapouf e Moustache fanno sognare adulti e bambini attraverso libri illustrati con cura e storie semplici ma foriere di importanti significati.
L’esposizione svela i segreti della realizzazione degli album, presenta le stampe più famose e ripercorre i sessant’anni di storia di Martine, un personaggio-simbolo che ha saputo adattarsi all’evoluzione della società.

I Love Martine
Dal 15 gennaio al 2 marzo 2014
Musée en herbe
21 rue Hérold
75001 Paris

Il primo “si” gay

Il primo matrimonio gay in Francia

Il primo matrimonio gay in Francia

Il primo matrimonio gay in Francia si celebrerà domani, 29 maggio 2013, a Montpellier.
Insieme da sette anni, Vincent e Bruno hanno già preparato tutti i dettagli della festa, dal fioraio al fotografo, e si preparano a convolare a nozze sotto gli occhi di centinaia di giornalisti e curiosi.
Le manifestazioni, gli scontri, le polemiche, la tempesta mediatica, le proteste eclatanti e i gesti di dissenso di larga parte della popolazione francese non sono serviti a far ritornare il governo sui suoi passi.
La legge Toubira, che ha approvato i matrimoni e le adozioni per le coppie gay, è stata promulgata il 17 maggio provocando violente reazioni tra chi si oppone a questa riforma fortemente voluta dal governo Hollande.
Dominique Venner, uno scrittore di estrema destra, si è addirittura suicidato davanti l’altare della cattedrale di Notre Dame in segno di protesta verso i matrimoni omosessuali.
L’ultima manifestazione anti-matrimonio gay, tenutasi lo scorso 26 maggio, è degenerata nella violenza tra manifestanti e forze dell’ordine confermando il forte nervosismo delle forze conservatrici.
Questo clima di tensione farà da contesto alla prima celebrazione di un matrimonio gay che avrà luogo domani: Vincent Autin e Bruno Boileau diranno di “si” davanti al sindaco Hélène Mandroux.
Un evento internazionale, ripreso da più di 70 televisioni mondiali (da Al Jazeera alla CNN), che segnerà una svolta nella storia della nazione.
La Francia diventa il quattordicesimo Paese del mondo a riconoscere alle coppie gay il diritto di unirsi in matrimonio.

Disoccupazione in aumento

Disoccupazione in aumento

La Francia ha reagito mediamente bene alla crisi e il solido sistema economico dei cugini transalpini ha evitato l’incubo della recessione.
Tuttavia il numero dei disoccupati che risiedono in Francia aumenta in maniera esponenziale.
Il ministro del lavoro Michel Sapin ha recentemente annunciato che il numero dei francesi alla ricerca di un impiego supera la soglia dei tre milioni.
Dal 1999 il numero dei disoccupati non era mai stato così elevato in Francia.
Il governo di François Hollande, già impegnato a fare i conti con il malcontento popolare per le misure d’austerità, ha promesso di mettere in atto tutti i mezzi a sua disposizione per diminuire il tasso di disoccupazione.
Ma come funziona il sistema dello chomage (disoccupazione) in Francia? Come ci si inscrive all’agenzia di collocamento e quale retribuzione spetta ai disoccupati?
Le indennità di disoccupazione ARE (allocation de retour à l’emploi) spettano a tutti quei lavoratori che sono stati privati del proprio lavoro (licenziamento o rupture conventionnelle) e che hanno cumulato i diritti necessari in una o più aziende.

La prima tappa per beneficiare dell’ARE è l’iscrizione a Pole Emploi, l’agenzia di collocamento francese.
L’ex lavoratore che desidera iscriversi come disoccupato e percepire le relative indennità deve prendere un appuntamento utilizzando il sito internet di Pole Emploi o chiamando il numero 3949 (chiamata gratuita da un telefono fisso).
In occasione del suo primo appuntamento lo chomeur (disoccupato) deve presentare un dossier d’iscrizione che riassume la sua vita lavorativa e i seguenti documenti:
– un documento d’identità valido
– un’attestazione vitale rilasciata dalla sécurité sociale o una copia della carte vitale
– un RIB (ovvero i dati del conto bancario)
– l’attestazione destinata a Pole Emploi, rilasciata dall’ex datore di lavoro

Effettuata l’iscrizione, il disoccupato riceve una attestazione che certifica il suo stato di demandeur d’emploi (alla ricerca di un lavoro) e una lettera informativa che riassume la sua nuova situazione nei confronti dello Stato francese.
Conservate gelosamente l’attestazione rilasciata da Pole Emploi se volete beneficiare di alcuni vantaggi sociali destinati ai disoccupati.

Ecco i principali:
–  La maggior parte dei musei sono gratuiti per i disoccupati (Louvre e museo d’Orsay inclusi)
– Le principali catene di cinema francesi (MK2, Pathé, Gaumont) propongono interessanti riduzioni, dal lunedì al venerdì, sui prezzi dei biglietti.
– Se siete disoccupati, tutte le piscine parigine vi aprono le porte gratuitamente.
– I principali operatori telefonici (Orange, SFR, Bouygues) propongono interessanti offerte, a partire da 10€ al mese, dedicate a chi cerca un lavoro.
– Per quanto riguarda i trasporti, la SNCF (ferrovie dello stato) offre uno sconto del 25% per viaggiare in Francia.

Pole Emploi vi comunicherà per posta la somma delle indennità che percepirete ogni mese, il cosiddetto ARE (allocation de retour à l’emploi).
La durata del versamento di queste indennità dipende dalla durata del lavoro che il disoccupato aveva prima della sua iscrizione a Pole Emploi.
Il periodo d’indennizzo equivale ai diritti che il disoccupato ha cumulato nei 28 mesi (per chi ha meno di 50 anni) precedenti alla perdita del lavoro.
Bisogna aver lavorato almeno 122 giorni (610 ore) per beneficiare dell’ARE e la durata dell’indennizzo non può essere nè inferiore a 4 mesi nè superiore a 2 anni (i disoccupati che hanno più di 50 anni possono ricevere l’indennizzo fino a 3 anni).
La somma versata mensilmente omprende una parte fissa e una parte variabile che viene calcolata in funzione dei salari percepiti nel precedente lavoro.
La parte fissa è uguale a 11.57€ mentre la parte variabile equivale al 40.4% del salario giornaliero di riferimento (SJR).
La somma totale percepita dal disoccupato non può essere inferiore al 57.4% ne superiore al 75% del SJR.

Il disoccupato che si iscrive a Pole Emploi non viene retribuito immediatamente.
Bisogna rispettare, infatti, un periodo di attesa (carence) che viene calcolato in base a:
– i congedi rimanenti alla data del licenziamento
– le somme percepite in seguito alla rottura del contratto
– 7 giorni applicati sistematicamente
Il periodo di attesa non può superare i 75 giorni.

Completate le procedure d’iscrizione e trascorso il periodo di attesa, Pole Emploi verserà ogni mese il montante della vostra indennità ARE.
Il versamento si basa sulla dichiarazione di ricerca di lavoro che il disoccupato effettua ogni mese via internet, telefonicamente o recandosi in un’agenzia Pole Emploi.
Questa formalità è indispensabile per il pagamento dell’indennizzo di disoccupazione.

Per beneficiare del pagamento dell’ARE, il disoccupato deve inoltre:
– Giustificare una ricerca attiva di lavoro
– Risiedere nel territorio francese
– Presentarsi fisicamente agli appuntamenti fissati da Pole Emploi

Sur les traces de l’immigration Italienne

Sur les traces de l’immigration Italianne

Sur les traces de l’immigration Italienne
canti e testimonianze
degli immigrati italiani in Francia
Creato e diretto da
Anna Andreotti
Sixième station
Spectacle-Concert
Domenica 17 giugno alle 15 h
con : Margherita Trefoloni
Simone Olivi
Anna Andreotti
e il coro “Chants d’Emigration”

THEATRE DE VERDURE DE LA GIRANDOLE
65 rue pierre de Montreuil
93100 Montreuil
M° Mairie de Montreuil + bus 122 stazione Saint Juste /
102 stazione Danton
prenotazioni: 06 01 80 43 27
tariffe: 10 / 7 euros

A partire dal gennaio 2010, Anna Andreotti ha cominciato la raccolta delle testimonianze e dei canti degli immigrati italiani in Francia.
Il materiale musicale è stato trasmesso a un coro che si è appropriato del prezioso repertorio.
La rappresentazione è resa unica dall’alternarsi di canti e dialoghi immaginari tra i personaggi in scena.
Sur les traces de l’immigration Italienne è un’importante trasmissione di un pezzo della nostra memoria: i canti d’infanzia, i canti di lavoro e quelli d’esilio.
Una ricostruzione, fatta di parole e musica, della vita e delle emozioni vissute dai nostri connazionali in Francia, un forte appello alla conservazione delle nostre origini e una ricerca meticolosa di tracce emozionali e musicali.