Marcovaldo: uno spicchio d’Italia

Marcovaldo: uno spicchio d’Italia

Marcovaldo, l’eroe creato dall’immaginazione di Italo Calvino, è da poco sbarcato a Parigi e ha trovato una sistemazione nell’animato quartiere del Marais.
Marcovaldo è un luogo in cui si respira l’Italia: si parla, si legge e si mangia italiano.
I ritals di Parigi, i nostalgici del Belapaese e i francesi che apprezzano la nostra cultura faranno rapidamente di questo luogo il loro quartiere generale.
Si può venire per degustare ottimi vini, mangiare un buon piatto italiano o leggere i classici della nostra letteratura e le ultime novità editoriali.
Irene Pancaldi, Francesca Gatti e Francesco Artuso gestiscono questo covo d’italiani con molta cura e hanno ricreato l’atmosfera di un caffé letterario italiano dove incontrarsi e scambiare opinioni attorno a un cappuccino fumante.
Situato al 61 di rue Charlot, nel cuore del Marais, Marcovaldo organizza puntualmente interessanti appuntamenti per promuovere la cultura italiana: incontri con autori, presentazioni di libri, concerti, mostre fotografiche, atelier di cucina e conversazioni in italiano.
Marcovaldo organizza ogni secondo e quarto martedì del mese, l’Aperital, un atelier dedicato alla lingua e alla cultura italiana sottoforma di aperitivo.
L’Aperital incarna perfettamente l’anima simbiotica di  Marcovaldo dove cultura ed enogastronomia si sposano magicamente.
Spulciando gli scaffali della libreria che conta circa 500 titoli di autori italiani in lingua originale, avrete la possibilità di gustare prodotti tipici dello Stivale come il parmigiano reggiano, il pecorino di Sardegna, il prosciutto di Parma o, ancora, mozzarelle e ricotta di bufala.

Marcovaldo
61 rue Charlot
75004 Paris

Annunci

La Libreria filosofica Vrin

La Libreria filosofica Vrin

La libreria Vrin è la più grande libreria filosofica d’Europa frequentatissima dagli studenti della vicina Sorbonna.
Professori e allievi si ritrovano nell’assoluto silenzio per nutrire lo spirito e studiare le varie correnti di pensiero.
Sola libreria interamente dedicata al panorama filosofico, la Vrin offre un enorme archivio di libri che coprono tutte le aree del pensiero umano dalla filosofia medievale a quella contemporanea, da quella politica a quella analitica.
Le opere di Kierkegaard, Nietzsche, Hegel, Kant, Schopenhauer, Hobbes, Socrate, Aristotele e tanti altri filosofi, campeggiano sugli enormi scaffali sparsi un po’ dappertutto.
Topi di biblioteca e appassionati di filosofia condividono le stesse scrivanie studiando volumi polverosi e, talvolta, tra i bisbigli e i commenti a bassa voce, si accendono animate discussioni e scambi di opinioni che terminano in uno dei tanti café della Place de la Sorbonne.
Oltre ad essere una superba libreria, Vrin è anche un’importante casa editrice che pubblica ogni anno centinaia di opere.
La scrittrice Muriel Barbery ha citato questa libreria nel suo libro L’eleganza del riccio per illustrare l’estrema erudizione della portinaia-filosofa che fa da antagonista al racconto.

Librairie philosophique J.Vrin
6, Place de la Sorbonne
75005 Paris

Tea and Tattered pages: classici e biscotti

Tea and tattered pages

Si tratta della sola libreria inglese di Parigi dove potrete leggere i vostri classici preferiti e contemporaneamente assaporare un tipico tè londinese.
L’originale idea da cui parte Tea and Tattered pages coniuga l’amore per i libri e la calma di una pausa a base di tè e pasticcini.
Entrando in questa libreria sarete avvolti dall’odore di libri ingialliti dal tempo mescolato al profumo di muffin, crumble e biscotti al burro.

Tea and Tattered pages
24 rue Mayet
75007 Paris

Shakespeare and Company

Shakespeare and Company

Questa libreria, situata nel cuore del quartiere latino, esiste dal 1919 e anticamente si trovava al 12, rue d’Odéon.
La più celebre proprietaria della libreria è stata Sylvia Beach, che tenne la libreria dal 1919 al 1941, e che rese questo luogo un vero e proprio centro di cultura anglo-americana a Parigi frequentato da personaggi del calibro di Ernest Hemingway, Ezra Pound, F.Scott Fitzgerald, Gertrude Stein e James Joyce.
Proprio Sylvia Beach pubblicò per la prima volta Ulysse, il capolavoro di Joyce, nel 1922.
Un luogo di cultura e sapere, che Henry Miller ha descritto come Il paese incantato dei libri, che fu trasferito in rue de la Bucherie da George Whitman, un appassionato di letteratura originario del Massachussets.
Shakespeare and Company funge da un lato da libreria e dall’altro da biblioteca specializzata nella letteratura anglofona.
Il piano superiore viene utilizzato come bed and breakfast per i viaggiatori di passaggio, soprannominati tumbleweeds, che vengono ospitati in cambio di qualche ora di lavoro nella libreria.   

37, rue de la Bûcherie
75005 Paris
Metro: Saint Michel