9 notti a Parigi di Giorgio Pirazzini

9 notti a parigi

Metti una notte parigina, un giro di locali eleganti, tante donne da conoscere e un pizzico di incoscienza. Moltiplica il tutto per nove, shakera e servi ghiacciato.
Il protagonista di queste notti è un giovane pubblicitario appena trasferitosi per lavoro a Parigi, proprio come l’autore.
Appena arrivato, si immerge nella Parigi dei sogni: donne eleganti, feste memorabili, nomadi notti bohémien, vini profumati ogni giorno e formaggi da favola.
Un piccolo ma esauriente glossario del piacere.
Contrariamente a quello che ci si aspetta da queste storie, dove qualcosa di solito si inceppa e qualcuno finisce nei guai, tutto continua ad andare bene fino alla fine.
Parigi mantiene le promesse.
9 notti a Parigi raccoglie i racconti di nove notti iconiche, incontri impossibili con artistoidi, clown nottambuli, amici di una sera, donne o uomini che vorrebbero essere donna e clochard stanziali.
Se avete in programma qualche giorno a Parigi, potrete leggere questi racconti per sapere dove andare a bere qualcosa; se ci siete già stati, qui c’è quello che vi siete persi.

Giorgio Pirazzini, autore del libro, è nato a Faenza nel 1977 ed è cresciuto a Lugo.
Ha studiato e lavorato in comunicazione tra Bologna, Lisbona, Londra e dal 2007
vive a Parigi.

www.novenotti.it è il sito ufficiale del libro: trama, musica, sapori e mappa dei locali con breve recensione.
www.giorgiopirazzini.com è il sito dell’autore.

A year in the merde

A year in the merde

Forse un giorno scriverò anch’io un libro per raccontare le mie avventure da “italiano all’estero” per aiutare e divertire altra gente che come me ha fatto questa scelta.
Magari lo farò quando sarò in pensione, se la pensione esisterà ancora!
In ogni caso per adesso non ho nè il tempo nè la pretesa di scrivere un libro e mi limito a riempire questo blog di articoletti.
Nell’attesa del mio debutto da autore mi diverto a leggere le storie di altri expat ovvero immigrati che, come me, si sono lasciati tutto alle spalle per stabilirsi a Parigi.
L’ultimo libro che ho letto a tal proposito s’intitola A year in the merde di Stephen Clarke, un giornalista inglese che racconta le sue vicissitudini durante la permanenza a Parigi.
Il libro racconta la storia di Paul West, pseudonimo che designa l’autore, un giovane britannico che viene a lavorare per un anno a Parigi.
Il fascino del libro deriva dall’abilità di Clarke nel descrivere le sue idiosincrasie a contatto con la cultura francese con tanti aneddoti che denotano lo shock culturale.
Il giovane inglese pensa di essere sbarcato su un altro pianeta quando si rende conto che ogni mese è segnato da uno sciopero diverso, che le riunioni di lavoro durano ore, che le strade di Parigi sono tappezzate di cacche di cani (il titolo del libro deriva proprio dalla frequenza con cui il protagonista le calpesta) e che i camerieri delle brasserie decidono quando è il momento di servire i clienti.

La trama del romanzo narra la fase di adattamento a Parigi di questo giovane inglese di belle speranze venuto in Francia per aprire una catena di saloni da tè all’inglese.
Il protagonista del romanzo sembra essere un incrocio tra Mister Bean, Hugh Grant e David Becham che giorno dopo giorno impara a convivere con i mille problemi della quotidianità parigina.
La lettura del libro è gradevole e contiene alcune perle d’umorismo e sagacia che impreziosiscono la narrazione stigmatizzando le contraddizioni della cultura francese.
La burocrazia, il mondo del lavoro, i trasporti e la politica francese vengono scandagliati attentamente dall’occhio critico di Clarke che emette la sua pungente sentenza.
Stephen Clarke scrisse questa sorta di “guida di sopravvivenza” in Francia per divertimento.
Inizialmente stampò solamente duecento copie da distribuire ad amici e conoscenti mettendo in vendita su Internet le rimanenti copie.
Grazie a un massiccio passaparola e all’attenzione di alcune librerie, il libro ottenne immediatamente un grande successo.
A year in the merde è diventato oggi un best-seller internazionale (è stampato in ben 16 paesi), una sorta di manifesto degli expats parigini.
La storia è raccontata egregiamente mantenendo il giusto equilibrio tra comprensione ed ilarità pungente.
Un libro da leggere assolutamente.

Paris secret et insolite

Paris secret et insolite

Questo libro propone di scoprire i 20 arrondissement della capitale francese con uno sguardo nuovo ai tanti insoliti particolari e dettagli che costellano Parigi.
L’autore, Rodolphe Trouilleux, evita attentamente i luoghi e i percorsi classici per focalizzare l’attenzione su storie straordinarie e aneddoti poco conosciuti.
Abbandonate, quindi, i sentieri battuti proposti dalle guide convenzionali e dimenticate i clichés che avete conosciuto fino adesso.
Lasciatevi guidare da Trouilleux in quest’emozionante viaggio alla ricerca dell’insolito nei meandri di Parigi: scoprirete il luogo in cui anticamente si trovava la ghigliottina, visiterete i luoghi che hanno fatto da contesto alle fasi salienti della Rivoluzione francese, apprenderete interessanti notizie sulle catacombe di Denfert-Rochereau, capirete a cosa serviva l’alta colonna che domina il quartiere delle Halles e tantissimo altro ancora.
I luoghi documentati sono piu di 150 e talvolta non sono facilmente accessibili ma con un pò di perseveranza e una buona dose di curiosità riuscirete a scoprire vere e proprie perle nascoste nel cuore di Parigi.

Paris secret et insolite
Scritto da Rodolphe Trouilleux, fotografie di Jacques Lebar
Edizioni Parigramme

Paris 0 euro

Paris 0 euro

Due appassionati della ville lumière hanno repertoriato, catalogato e testato tutte le attivitá gratuite della capitale francese.
Piú di 1500 indirizzi e 150 eventi a 0 euro vi aspettano qualunque siano i vostri interessi e le vostre passioni: cultura, sport, svaghi, moda, vacanze e cibo senza spendere nemmeno un euro!
Questa guida vi inciterà a scoprire astuzie e metodi ingegnosi per risparmiare e approfittare dei vantaggi offerti da una città come Parigi.
Lasciate la carta di credito nel cassetto del comodino e partite alla scoperta delle risorse gratuite della capitale francese.

Alcuni esempi:
– Iniziazione al Qi gong (la ginnastica degli organi) al Parco Buttes-Chaumont dove il maestro vietnamita Thoï organizza, tutti i giorni alle 9h, una lezione di un’ora aperta a tutti.
– Possibilità di beneficiare gratuitamente di un taglio di capelli o di una messa in piega in uno dei tanti saloni che propongono questo servizio (come lo Studio Wella al 43 rue Cambon nel 1 arrondissement).
– Visitare musei gratuitamente
– Degustare vini gratis. Sono numerose  le cantine vinicole che aprono le porte per farvi degustare i loro vini più buoni (come La Cave du Pantheon – 174 rue Saint-Jacques, 75005 che propone una degustazione il sabato pomeriggio).
– Mangiare gratuitamente. Sono numerosi i ristoranti che propongono questa formula chiedendo di pagare esclusivamente le bibite o di lasciare un’offerta libera.
Il Taïs (129, boulevard de Ménilmontant, 75020) per esempio, nel quartiere di Menilmontant, offre il tradizionale couscous kabyle a volontà ai suoi clienti.

Paris0euro 

Enigmi parigini

Paris 0 euro

Avete già visitato Parigi parecchie volte e siete stanchi dei soliti percorsi e di visitare sempre gli stessi monumenti ? Avete voglia di scoprire la capitale francese da una prospettiva diversa e divertendovi al tempo stesso ? Questo libro fa per voi!
Scoprire Parigi divertendosi è possibile grazie al libro Jeux de pistes et énigmes à Paris di Jean Richard Matouk che trasforma magicamente ogni arrondissement della capitale francese in un immenso terreno di gioco.
Si tratta di un’opera unica e originale che propone 20 percorsi parigini, uno per arrondissement.
Ogni percorso é costituito da un susseguirsi di misteriosi enigmi e indovinelli da risolvere: sagacia, intuito, spirito d’osservazione e tanta pazienza vi permetteranno di decifrare numerosi rompicapi che vi aiuteranno a scoprire il patrimonio artistico, culturale e naturale di Parigi.

Risolvendo i vari indovinelli proposti, vi troverete a passare nel luogo in cui fu assassinato Enrico IV, vedrete mulini, pagode, cascate, statue insolite e mille altre curiosità nascoste nel tessuto urbano della ville lumière.
Più di 800 enigmi, 260 foto, 21 mappe per non perdere l’orientamento e 60 vignette vi guideranno in questa avventura ludico-culturale.
Un consiglio spassionato da chi ha già risolto buona parte degli enigmi del libro passando da un arrondissement all’altro: se decidete di affrontare i percorsi con il vostro compagno/a, armatevi di tantissima pazienza poiché spesso gli enigmi sono di difficile risoluzione e anche le coppie più affiatate possono andare in escandescenza.
Per evitare che il nervosismo e le liti con il vostro partner vi rovinino l’avventura, vi consiglio di effettuare ogni percorso in 2 o 3 volte.
Buona risoluzione!

Jeux de pistes et énigmes dans Paris
Jean-Richard Matouk,
Hachette Guides Tourisme

Vivo altrove: l’odissea dei ragazzi con la valigia

Vivo altrove

Questo post apre una nuova sezione del blog dedicata ai libri: romanzi o saggi dedicati a Parigi o libri che ho letto e che ho ritenuto degni di considerazione.
Il primo libro di cui vi voglio parlare è Vivo altrove, un libro che mi sta particolarmente a cuore perché tratta delle storie delle decine di migliaia di giovani che, dopo aver riempito il proprio fagotto di belle speranze, hanno lasciato l’Italia per cercare fortuna altrove.
Il libro scritto da Claudia Cucchiarato e pubblicato recentemente da Bruno Mondadori presenta un variegato campionario umano fatto di storie di ragazzi che in Italia non hanno trovato il loro posto.

Tra le tante storie c’è anche la mia, quella di un ragazzo siciliano che mai avrebbe pensato di lasciare la sua isola natale ma che crescendo si rende conto che il suo è un Paese a numero chiuso e che la sola alternativa possibile è quella di “vivere altrove”.
Tuttavia  non è della mia storia che voglio parlarvi ma del superbo lavoro realizzato da Claudia che ha saputo rappresentare, usando sfumature agrodolci, un suggestivo spaccato sociologico.
Il libro rappresenta un collage di storie di “ragazzi con la valigia” che per svariati motivi hanno deciso di fare il grande salto verso l’altrove, un mosaico colorato di vite accomunate dalla voglia di andare avanti con le proprie forze e di mantenere la propria dignitá integra.
Ogni storia ha le sue peculiaritá, un suo contesto e una sua motivazione  che hanno spinto questi giovani a lasciarsi alle spalle radici, amici e familiari per seguire il proprio destino.
Tutte le storie sono segnate dalla stessa inconfondibile amarezza.
L’opera della Cucchiarato affronta un fenomeno generazionale che riguarda un numero crescente di giovani tra i 25 e i 40 anni che sentono il bisogno di allontanarsi per cercare nuove possibilitá di riuscita.
L’analisi sociologica effettuata da Claudia nel suo libro continua, a fil di rete, grazie al blog www.vivoaltrove.it che offre la possibilitá a tutti di pubblicare la propria storia e di raccontare le proprie vicissitudini lontano dall’Italia e in giro per il mondo.

Claudia Cucchiarato, giornalista, è nata a Treviso nel 1979 e vive a Barcellona dal 2005.
Scrive per L’Unità e il gruppo L’Espresso in Italia e per La Vanguardia in Spagna.
Vivo altrove è il suo primo libro, ma soprattutto il suo modo di dare voce a chi, come lei, ha scelto di non abitare in Italia.
Dall’inizio del 2008 cura il blog:
http://barcellonaitalia.blog.unita.it//

La cultura italiana in festa

Fête du livre et des cultures italiennes

Come ogni anno la cultura italiana rinnova il suo appuntamento con il pubblico parigino per celebrare i libri e la diffusione della cultura più in generale.
La Fête du livre et des cultures italiennes aprirà le porte della sua terza edizione, dal 7 al 9 Ottobre 2011, all’Espace d’Animation des Blancs Manteaux di Parigi.
L’ingresso è gratuito e il programma 2011 si svilupperà attorno al tema del “Viaggio”.
Il successo di quest’interessante iniziativa ha conosciuto una crescita esponenziale grazie a ingredienti di forte richiamo: incontri, dibattiti, proiezioni, letture, ospiti d’eccezione e deliziose degustazioni di prodotti tipici.
La Fête du livre et des cultures italiennes di Parigi rappresenta un appuntamento imperdibile per fare il punto sulla situazione culturale del BelPaese.

Fête du livre et des cultures italiennes
Dal 7 al 9 Ottobre 2011
A partire dalle 15h40
Ingresso Gratuito

Espace d’animation des Blancs Manteaux
48 rue Vieille du Temple
75004 Paris