Le cere di Grevin a Parigi, viaggio nell’arte e nella fantasia

Parigi, capitale dell’amore, dell’arte e della fantasia.
Che la bellissima città francese sia anche la capitale dei musei non è una novità (lo stesso agglomerato urbanistico è un gigantesco museo a cielo aperto), quello che forse non tutti sanno è che ve ne sono alcuni assai curiosi: come il Museo delle Cere. Si trova in boulevard Montmartre e vale la pena di essere visitato perché può regalare momenti di gran divertimento.

I più pensano che il museo delle cere di Londra sia molto più affascinante, ma molti non la pensano così. Dunque se vi rimane un po’ di tempo tra un Louvre e una Torre Eiffel, fateci un salto, vi farete delle gran risate e soprattutto rimarrete sorpresi dalle riproduzioni in cera di decine di personaggi famosi, come Napoleone Bonaparte, i tre moschettieri, attori, cantanti e atleti contemporanei (Stanlio e Olio, Brigitte Bardot, Naomi Campbell, Monica Bellucci e persino Roberto Benigni. All’interno del museo vi è anche una sala degli specchi, che farà impazzire anche i bambini.

Certo se trascorrerete soltanto qualche giorno a Parigi sarete presi da ben altro, ma se ad esempio vi fermate un po’ di più, vale la pena farci un salto. Per esempio se vi trovate in Francia per le vacanze studio, se partite per poter fare dei corsi di francese a Parigi e soggiornate in città per qualche settimana, il museo delle Cere sarà tappa obbligata per chi vorrà trascorrere una mezza giornata tra opere d’arte non necessariamente impegnative. Vi sorprenderete a scoprire però anche momenti della storia francese e non: partiamo dal palazzo che lo ospita, mix di stile Luigi XIV e rococò veneziano, all’interno del quale troverete anche personaggi come Giovanna d’Arco, Luigi XVI alla Bastiglia, l’assassinio di Marat, la caduta del muro di Berlino o il primo uomo sulla luna. All’interno del museo poi vi è anche un percorso che rivela tutti i segreti per la realizzazione delle sculture di cera.

Il museo di Grevin può, insomma, essere una tappa interessante dei vostri soggiorni di studio e può risultare più utile di quanto pensiate durante il vostro soggiorno per corsi francese Parigi. La città poi è una fonte inesauribile di tesori nascosti, ma questo lo sapete già….

I musei di Parigi

La famosa piramide del Louvre

Musei d’arte e di storia, musei letterari e insoliti: i musei della città di Parigi mettono insieme un gran numero di collezioni eccezionali e organizzano ogni anno svariate esposizioni.
La maggior parte offre un accesso gratuito la prima domenica del mese.
Parigi e la regione dell’Ile-de-France possiedono la più importante offerta museografica di tutta la Francia: si contano più di cento musei nella sola Parigi ai quali bisogna aggiungere più di cento dieci musei disseminati nella regione.
Ma aldilà della quantità, è soprattutto la diversità delle collezioni che caratterizza la ricchezza dei musei parigini; una ricchezza capace di richiamare ogni anno milioni di turisti.
Il più antico, più conosciuto, più grande in superficie e ricco in collezioni è il Louvre che ospita una delle più rinomate collezioni di opere d’arte esistenti al mondo ed è conosciuto principalmente come museo.
Pochi, infatti, sanno che l’edificio è stato per circa 700 anni, una delle principali residenze di re e imperatori francesi.
Numerosi altri musei godono di fama a livello mondiale, come le musée national d’Art moderne (ospitato dal Centre Georges-Pompidou) o il museo d’Orsay, consacrato essenzialmente all’impressionismo e che si caratterizza per la sua particolarissima ubicazione,, i locali di un’ex-stazione ferroviaria, la Gare d’Orsay che era stata realizzata per l’esposizione universale del 1900.

Poco distante da Parigi, il castello di Versailles, costruito dal Roi-Soleil e residenza dei Re di Francia durante i secoli XVII e XVIII, attira ugualmente milioni di visitatori all’anno.
La municipalità di Parigi possiede e gestisce quattordici musei, tra i quali il più celebre é il museo del Carnavalet, dedicato alla storia di Parigi, o ancora la maison de Victor Hugo e quella di Balzac.
I musei più famosi sono nazionali cioé direttamente gestiti dallo Stato, altri dipendono dal ministero, come per esempio il Musée de l’Armée (Hôtel des Invalides) e il Musée de l’air et de l’espace du Bourget che dipendono dal ministero della Difesa.
Altri ancora sono privati come per esempio il famosissimo museo delle cere: il Museo Grevin che raccoglie un numero considerevole di statue di cera, somigliantissime ai personaggi originali, che riproducono protagonisti del passato e del presente.

Da non perdere il museo quai Branly o museo delle arti e civiltà d’Africa, d’Asia, d’Oceania e delle Americhe che si trova nel VII arrondissement di Parigi, nell’area un tempo occupata dal ministero del Commercio estero.
Si tratta di un progetto ambizioso, caratterizzato da un’architettura accattivante (Jean Nouvel) e da uno spirito innovativo.
Merita una visita anche il Museo del Medioevo che riunisce numerose opere artistiche e oggetti relativi alla storia della Gallia romana agli inizi del XVI secolo; un viaggio al tempo dell’amor cortese che saprà catturare il vostro interesse.