La Sicilia si Lega

musumeci-salvini

Musumeci e Salvini

Il presidente Musumeci ha deciso che è giunto il momento fatidico di fare entrare la Lega nella giunta regionale della Sicilia.
Non si tratta, ahimé, di una fake news o di una barzelletta e nemmeno di una notizia tratta dal sito satirico lercio.it.
Purtroppo per la Sicilia, è ciò che sta succedendo in queste ore: Salvini è riuscito nel suo intento di colonizzare la Terronia e di piantare il suo immondo vessillo verde.
Al capitano è bastato smettere di cantare cori razzisti, togliere la T-shirt con su scritto “Padania is not Italy” ed indossarne una con il simbolo della Trinacria, per ammaliare i tanti siciliani che lo hanno sostenuto e supportato nelle ultime tornate elettorali.
Bravi, cari conterranei! Avete avuto ciò che volevate e che forse ci meritiamo.

Dovremmo, quindi, credere che la Lega sia diventata un nuovo partito, redento, dotato di una nuova verginità e non lo stesso che per anni ci ha definito parassiti, sporchi, analfabeti, inferiori e fannulloni?
Come dimenticare la marea di insulti che Bossi, Borghezio, Salvini, Calderoli, Zaia e i loro amici padani hanno riversato sulla Sicilia e sull’intero Sud considerato un fardello inutile per il resto del Paese?
In che modo potremmo accogliere con entusiasmo i seguaci di Alberto da Giussano dopo che, per più di vent’anni, hanno infangato il nome dei meridionali?
Verranno con l’ampolla piena di acqua del Pò per purificarci tutti?
No, grazie! La Sicilia non si Lega e non si legherà mai a un partito intriso di razzismo, odio e xenofobia.

Emblematica è, poi, la poltrona scelta ovvero l’assessorato ai Beni culturali e dell’identità siciliana.
Sembra un ossimoro elevato all’ennesima potenza, un leghista dovrà portare avanti iniziative finalizzate a promuovere la cultura e il dialetto, le tradizioni popolari e il patrimonio artistico siciliano.
L’assessorato occupato in precedenza dall’archeologo Sebastiano Tusa, prematuramente scomparso nel disastro aereo in Etiopia dello scorso anno, finirà nelle mani degli uomini del Carroccio che avevano supportato alle elezioni regionali la candidatura di Musumeci.
A prescindere dal nome che verrà designato, la scelta del partito verde, che ha da sempre insultato la nostra isola, suona come una beffa alla popolazione.
In un momento delicato in cui la Sicilia attende certezze dalla Regione soprattutto per rilanciare il settore del turismo flagellato dalle restrizioni per il Covid-19, questa nomina nefasta è la peggiore risposta che potesse arrivare.
Quali saranno le prossime mosse per valorizzare la nostra bella regione?  Potremmo assegnare l’assessorato all’economia alla banda Bassotti, le attività produttive a Homer Simpson e per finire l’assessorato all’istruzione a Lucignolo.

La guerra tra poveri è cominciata

guerra tra poveri

La guerra tra poveri…

Il decreto Cura Italia, entrato in vigore lo scorso 17 marzo, ha stanziato 5 miliardi di ammortizzatori sociali per sostenere i lavoratori e le famiglie italiane in difficoltà.
Se in tanti stanno ancora aspettando il bonus da 600€ destinato a partite IVA, autonomi e stagionali, non va meglio a quei lavoratori che hanno fatto richiesta di cassa integrazione.
A due mesi dal lockdown che ha paralizzato l’Italia, solo un lavoratore su cinque ha percepito il sussidio previdenziale.
Nello Musumeci, presidente della Regione, ha recentemente chiesto scusa ai 139 mila lavoratori siciliani che aspettano l’indennità, già da parecchio tempo, parlando di proprie responsabilità politiche e grossi problemi tecnici e informatici da parte dell’INPS.
Ma siamo sicuri che sia solamente una piattaforma informatica inadeguata a causare questi immensi ritardi e a generare la rabbia di migliaia di famiglie siciliane?

Pippo Foti, coordinatore regionale della Rete per la Legalità Sicilia, ha denunciato una squallida vicenda che ha fatto molto scalpore: gli impiegati della Regione Sicilia, spalleggiati dai sindacati, hanno chiesto 10€ di bonus per ciascuna pratica da inoltrare all’INPS.
In buona sostanza gli impiegati, in seguito al notevole incremento della mole di lavoro, avrebbero preteso un incentivo pecuniario per inoltrare le richieste di cassa integrazione all’organismo previdenziale.
In un momento particolarmente drammatico in cui tante famiglie stentano ad andare avanti e affrontano durissime difficoltà economiche, la richiesta paradossale degli impiegati regionali risulta totalmente fuori luogo.
Non si può speculare sulle spalle di famiglie sul lastrico, di gente costretta a recarsi alla Caritas e cedere i propri beni al banco dei pegni pur di pagare bollette e affitti che continuano ad arrivare puntuali.
In altre regioni italiane i soldi sono già stati versati e gli impiegati hanno svolto le proprie mansioni senza pretendere alcuna retribuzione aggiuntiva: è triste e desolante che la speculazione sociale sia più forte della solidarietà, del sostegno recipropco e dello spirito di unità nazionale.
Episodi come questo fanno male alla collettività e fanno crescere la rabbia sociale.
I sindacati, in questo caso, hanno perso un’occasione per tacere.

Per far luce sull’accaduto, il ministro della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone ha chiesto un’ispezione: al momento soltanto 7 mila richieste (su 139 mila!) sono state inoltrate.
E’ una fase delicatissima per l’Italia ed è essenziale remare tutti nella stessa direzione, mostrarsi solidali e lavorare insieme per la ripresa e la ricrescita del Paese.
Come conseguenza di questo scempio, sono saltate le prime poltrone: dopo le dimissioni del direttore generale dell’assessorato al Lavoro, Giovanni Vindigni, letteralmente travolto dalle polemiche, il M5S ha presentato una mozione di censura nei confronti di Antonio Scavone, assessore al Lavoro della Regione Sicilia, reo di una gestione totalmente inadeguata degli ammortizzatori sociali.