Il riposante giardino dell’Unesco

Il giardino della pace dell’Unesco

Moltissime nazioni hanno visitato la sede dell’Unesco, situata nel VII arrondissement di Parigi, e ciascuna ha lasciato la sua personalissima impronta.
Tra le opere offerte dai vari paesi è possibile ammirare una croce armena, installazioni eoliche provenienti dalla Grecia, realizzazioni murali di Picasso, lo spazio Miró e tanto altro ancora.
Il pezzo resta indiscutibilmente il giardino giapponese realizzato dall’architetto paesaggista Noguchi che nel concepirlo ha dato un tocco personale alla sua creazione.
Per gustare pienamente questo giardino bisogna attraversarlo nella sua totalità e scoprire le differenti sfaccettature e colori che cambiano seguendo il percorso del visitatore.

Potrete ammirare, su 1700 metri quadrati, una fontana centrale avente la forma di un ideogramma che significa “cuore puro”, una passerella fiorita ispirata al teatro giapponese kabuki, una lanterna che custodisce il fuoco protettore e purificatore, un ruscello e altri luoghi incantati.
L’armonia regna in questo spazio che é stato studiato con cura dal suo realizzatore per conferire una sensazione di pace.
Lo scultore e disegnatore nippo-americano, Isamu Noguchi, si é recato personalmente nell’isola giapponese di Shikoku per scegliere i materiali che avrebbe utilizzato per la composizione del giardino.
In seguito, 88 tonnellate di pietre sono state trasportate a Parigi dove tre giardinieri giapponesi le hanno disposte minuziosamente nello spazio antistante il palazzo dell’UNESCO.
Per terminare il jardin de la paix dell’UNESCO sono, infine, stati piantati alberi di bambou, camelie, aceri e ciliegi.

Sulla pietra piú alta della fontana, scelta per la bellezza della sua forma, è incisa la parola pace nei caratteri giapponesi: la parola è incisa al contrario in maniera tale che anche il suo riflesso sull’acqua sia leggibile.
L’angelo di Nagazaki, una scultura scampata all’esplosione della bomba atomica, veglia su questo luogo fatato.
Se lo stress parigino vi attanaglia e avete bisogno di un luogo tranquillo in cui ritrovare pace e tranquillitá, il giardino dell’Unesco vi aspetta!

7, Place du Fontenoy
75007 Paris
Metro : Cambronne o Ségur

Annunci

Il fantasma dell’Opera

Il Fantasma dell’Opera

Nel romanzo Il fantasma dell’Opera del 1810, Gaston Leroux fa riferimento a un misterioso abitante dei sotterranei dell’Opera Garnier.
Leroux non ha inventato questa leggenda ma si è ispirato a strani fenomeni avvenuti alla fine del XIX secolo: la caduta di un lampadario durante una rappresentazione teatrale, un macchinista ritrovato impiccato e altri strani segnali e apparizioni.
I vari direttori dell’epoca avrebbero, inoltre, ricevuto dei messaggi da parte del fantasma stesso che rivendicava l’uso esclusivo di uno dei camerini.
Christine Daaé, una giovane cantante, avrebbe addirittura avuto un incontro ravvicinato con il misterioso personaggio.
La presenza di un ruscello sotterraneo è stata scoperta durante i lavori di costruzione dell’Opera Garnier.
Si dice che, ancora oggi, i macchinisti dell’Opera si occupino di alimentare i pesci del ruscello per sfamare il misterioso inquilino dei sotterranei.