Le Festin nu: insetti a volontà

Le Festin nu: insetti a volontà

Le Festin nu: insetti a volontà

In occasione del mio viaggio di nozze in Thailandia, mi ero promesso di assaggiare una delle specialità culinarie locali: gli insetti!
Quando mi sono ritrovato nel caotico centro di Bangkok davanti a una bancarella stracolma di blatte, grilli e vermi fritti, non sono stato capace di andare fino in fondo e degustarne un paio.
E voi, sareste capaci di mangiare gli insetti?
Se la risposta è positiva, non siete obbligati ad andare in Thailandia, potete abbuffarvi di succulenti vermoni al ristorante Le Festin Nu di Parigi.
Questo locale, situato nel XVIII arrondissement, propone da circa un anno un menù a base di scorpioni, scarafaggi, grilli, vermi e tante altre specie di insetti.
All’origine di quest’insolita idea si nasconde Elie Daviron, il proprietario del Festin Nu, che si reca regolarmente in Thailandia per importare succosi insetti e proporre alla sua clientela “una nuova esperienza gustativa e gastronomica”.
Secondo Elie, che dispone artisticamente le larve nei piatti dei suoi clienti, gli insetti sono ricchissimi di proteine più ecologiche rispetto al pesce e alla carne.
Per soli 9€ euro potrete concedervi uno scorpione con contorno di insalata, un grillo accompagnato da peperoni ripieni o una grossa cimice in salsa agrodolce.

Le Festin Nu
10 rue de la Fontaine du But
75018 Paris
www.lefestinnu.com

Tempi duri per i roditori

Il negozio Aurouze

Se avete provato in vano tutti i veleni e tutte le trappole a vostra disposizione per sbarazzarvi dell’odioso problema di avere topi, ratti, scarafaggi o altri ospiti indesiderati in casa, Aurouze è l’indirizzo che fa per voi!
Il negozio offre il materiale necessario per lottare contro i roditori che invadono i vostri appartamenti: dalle classiche trappole a scatto alle tavolette di colla passando per vari tipi di veleni.
Aurouze ha aperto i battenti nel 1872, nel centralissimo quartiere delle Halles, in un’epoca in cui topi e roditori vari stavano letteralmente invadendo Parigi.
Il negozio si chiamava inizialmente La Volpe Bianca e il suo successo era legato all’astuzia e all’inventiva del suo proprietario Etienne Auroze capace d’ideare trappole d’ogni genere che chiamava con nomi poetici: polvere diabolica, colla del diavolo, trappola letale.
La vetrina del negozio non lascia indifferenti i passanti la cui attenzione è immediatamente catturata dai numerosi topi e ratti imbalsamati, rappresentati nel momento in cui  sono stati intrappolati.
Non è una casualità se nel cartone animato Ratatouille, il padre di Remy (il topolino protagonista), conduce il figlio davanti la vetrina del negozio per mostrargli quanto gli esseri umani possono esseri pericolosi.

Aurouze
8 Rue des Halles
75001 Paris