La ballata del teatrante

Sugnu tiatranti scuppanti, vacanti, eleganti, birbanti, calanti, isanti,
ch’i vrachi a tiranti cu l’uocchi a punenti e a testa a livanti.
I suonna m’haiu ‘nsunnatu e u spirdu ‘ncurpuratu
nfinu a st’ ura nun ma lassatu.
Sugnu pueta du tiatru! Mi piaci tignari, ballari, cantari, sunari,
mmintari, mmintarimi a vita, mmintari l’amuri,
mmintari li ciuri, mmintari lu suli, mmintari la luna,
mmintari i cugghiuna, mmintari la morti d’arreri li porti!
Quannu me patri mi rissi “chi vò fari?” ci rispunnivu “vogghiu ricitari!”
Mi taliò cu l’occhiu favusignu
pinsannu ca iu fussi un figghiu calignu
ca nun vulissi travagghiari. Iu ti scippu a testa!”- mi ricia –
e ni spirugghiamu a liesta”
Minchiuni!!!! senza mancu accuminciari
già mi vulia ammazzari e iu nun sapia chi fari
pi putillu addumisticari.
. . . . . . . . . . . . . . . . . .
Passaru l’anni, iu avia vint’anni
e mi misi ‘nta sti panni pi putiri travagghiari,
appena appena pi campari, ma nienti potti fari:
U pitittu l’arrunzava, notti e jornu avvaragghiava
e me patri mi scriveva: Figghiu miu, torna, torna,
veni a rumpiti i corna”
Accussì turnavu ma travagghiu u nni truvavu.
Me patri mi campava, ma u tiatru a mia aspittava.
Mi chiamava ogni mumentu: “Veni, veni” mi ricia
mi chiamava e iu curria e abbrazzava tutt’u munnu.

Una piccola autobiografia del poeta e della sua grande passione: il teatro.
Il teatrante è il simbolo della libertà, di chi può essere tutto ciò che vuole; ma a volte ciò non è compreso dalla famiglia,
che non condivide la scelta di un lavoro bellissimo,
che dà grandi soddisfazioni, ma poco denaro, e a cui non si può resistere

Per maggiori informazioni visita il sito di Gaspare Cucinella