Sei stagionale? Non esisti!

desperate man crying under rain

Crisi senza fine

Tantissimi lavoratori stagionali del settore turismo hanno ricevuto una doccia fredda dal governo e dall’INPS che, venerdì scorso, in tarda serata, ha respinto in massa le tante richieste di bonus COVID-19 ancora non espletate.
Dopo avere sperato a lungo, appesi all’enigmatica dicitura “in attesa di esito”, abbiamo appreso con sconforto, connettendoci al profilo INPS, che le nostre pratiche erano state rigettate: una snervante attesa di più di quaranta giorni terminata nel peggiore dei modi!
Non credevo ai miei occhi quando ho letto le motivazioni del respingimento della domanda: “La Sua domanda non può essere accolta poiché Lei non risulta essere un lavoratore stagionale nei settori produttivi del turismo e degli stabilimenti termali”.
Avrei preferito apprendere che l’organismo previdenziale avesse finito i soldi piuttosto che vedere la mia dignità di lavoratore calpestata nel peggiore dei modi.
E naturalmente la decisione è finale e insindacabile, l’unico modo per contestare il verdetto dell’INPS è “proporre un’azione giudiziaria da notificare alla sede territorialmente competente”.
Come se non bastasse, il recente Decreto Rilancio stabilisce che chi non ha percepito il primo bonus di Marzo non avrà diritto ai successivi relativi ai mesi di Aprile e Maggio.

Lavoro, da diversi anni, in una struttura alberghiera e credo di avere il sacrosanto diritto di beneficiare dell’indennità.
Ho scoperto, mio malgrado, di essere invisibile.
La mia dignità di lavoratore è stata cancellata con un rapido colpo di spugna da parte di un cieco burocrate che si è attenuto a codici ATECO, diciture UNIEMENS e altri acronimi astrusi.
Mosso dalla delusione e gonfio di rabbia per il torto subito, ho navigato nel web in cerca di informazioni e ho scoperto che non sono da solo ma esistono decine di migliaia di lavoratori nella mia stessa situazione.
Ritengo indegno respingere il bonus da 600€ a così tanti lavoratori (e alle relative famiglie) sulla base di subdoli cavilli burocratici e pseudoclausole nascoste nei decreti.
Con quale coraggio si può negare la stagionalità a un addetto alla reception, un cuoco, un’addetta alle pulizie delle camere, un bagnino, un barista o un manutentore che da Aprile a Ottobre, ogni anno, per sette mesi, si impegna duramente per far funzionare i villaggi turistici e le strutture alberghiere del nostro Paese e garantire il divertimento e il benessere dei turisti?
Per l’INPS e il governo forse non siamo stagionali ma di fatto siamo noi che garantiamo il funzionamento dell’indotto turistico, un settore che rappresenta il 13% del PIL nazionale.

Il malumore e il malcontento degli stagionali sono arrivati fino agli esponenti del governo e alcuni di loro hanno anche reagito.
Il Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha dichiarato di essere al corrente dell’esclusione dal bonus di tanti stagionali, dovuto a Suo dire da un’errata registrazione dei contratti, e di essere in contatto con i consulenti del lavoro e l’INPS per risolvere la vicenda.
La sottosegretaria del Ministero dello Sviluppo Economico, Alessandra Todde, ha manifestato pubblicamente la sua solidarietà verso i lavoratori esclusi e la volontà di dirimere il prima possibile questa ingarbugliata questione.
Voci dell’ultim’ora parlano della possibilità di un eventuale riesame per tutti quei lavoratori stagionali, con i requisiti in regola, a cui è stata negata l’erogazione del bonus.
L’impressione è che il governo stia cercando di mettere una pezza a una situazione incresciosa che ha gettato nella disperazione migliaia di famiglie italiane.

Ormai è tardi, cari governanti. Il danno è fatto! La nostra dignità è stata oltraggiata e offesa.
Per lucida scelta o sconsiderata negligenza da parte di chi ha stilato il decreto, ci avete considerato non meritevoli del vostro aiuto e scelto come vittime sacrificali su cui risparmiare.
Con la NASPI da poco terminata e la prospettiva di una stagione senza lavoro a causa del coronavirus, attendevamo un vostro concreto sostegno, un gesto di speranza e un sussidio per andare avanti. Abbiamo ricevuto solo false promesse e montagne di vomitevole burocrazia cominciata con il sito dell’INPS in tilt e terminato con il rifiuto del bonus a migliaia di stagionali per fantomatici cavilli burocratici.
Sapete come ci sentiamo? Disillusi, abbandonati, delusi, dimenticati, offesi, presi in giro e non considerati.
Era meglio non farle le belle promesse se non siete in grado di mantenerle!
In questo modo perdete di credibilità e fomentate la rabbia sociale che potrebbe propagarsi più velocemente di qualsiasi altro virus.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: